Cerca
Close this search box.

FOCUS – Alla scoperta del Genk, squadra destinata a tirar fuori dei talenti straordinari

L'approfondimento sulla squadra belga, prossima avversaria del Napoli

Oltre a Liverpool e Salisburgo, il Napoli nel girone E di Champions League incontrerà anche il Genk. Squadra belga, che la scorsa stagione ha vinto il campionato dopo ben otto anni. Complessivamente, il quarto della sua storia. Una storia famosa soprattutto per il lancio di calciatori che, nel corso degli ultimi anni, si sono rivelati ottimi se non dei veri e propri campioni. E’ il caso di Kalidou Koulibaly, che il Napoli ha prelevato nella finestra di mercato estiva nel 2014 proprio dal Genk. E anche Milinkovic Savic, che oggi è uno dei migliori centrocampisti della Serie A e che se la Lazio decidesse di vendere, ricaverebbe un bel gruzzoletto. I calciatori sono talmente tanti da dover fare, per forza di cose, un elenco: De Bruyne, Courtois, Castagne, Ndidi, Bailey, Casteels, Malinovskyi, Kabasele, Praet, Origi, Defour.

Alcuni di questi hanno giocato solo nelle giovanili dei Mijnjongens Genkies (letteralmente, i ragazzi di Genk), come Praet e Origi, mentre altri hanno fatto parte per alcune stagioni anche della prima squadra: è il caso di Kevin De Bruyne e Thibaut Courtois, che oggi vestono la maglia di Manchester City e Real Madrid, due tra le squadre più forti del pianeta.

Il mercato estivo ha portato il Genk a vendere Leonard Trossard al Brighton per circa 20 milioni di euro e Artem Malinovskyi all’Atalanta. Tra gli acquisti, da notare il centravanti Onuachu del Midtjylland, che il Napoli ha già affrontato nel doppio incontro con i danesi nell’Europa League del 2015/16. Il calciatore più importante è Sander Berge, di professione regista che il Genk rivenderà solo a peso d’oro a partire dalla prossima estate. Della squadra fa anche parte Ianis Hagi, figlio di Gheorghe ed ex calciatore della Fiorentina.

Questa è la formazione con la quale ha affrontato e battuto l’Anderlecht per 1-0 nell’ultimo turno di campionato: Coucke; De Norre, Dewaest, Lucumì, Uronen; Heynen, Berge, Piotrowski; Ito, Samatta, Painstil. All. Felice Mazzù.

L’allenatore, tra l’altro, ha origini italiane: infatti, il padre emigrò dalla Calabria per andare a lavorare nelle miniere del Belgio.

A prescindere da come andranno le cose per il Genk, è impossibile non provare simpatia per una società che, nel corso degli anni, ha lavorato particolarmente bene con i giovani, con alcuni di loro che, nel loro ruolo, sono diventati i migliori al mondo.

A cura di Nico Bastone

Sartoria Italiana
Vesux
Il gabbiano
Gestione Sinistri
la giovane italia
Gestione Sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.