Germania-Argentina 2-4: Di Maria trascina l’albiceleste. 10′ per Andujar, in gol l’ex Fernandez

A Dusseldorf va di scena la rivincita della finale mondiale di Rio De Janeiro tra Germania ed Argentina. Come noto, Higuain non è del match per dei fastidi muscolari di cui si è parlato in mattinata. Il Pipita rientrerà già comani a Napoli. L’altro azzurro del match siede in panchina, Mariano Anduja s’accomoda accanto al Tata Martino lasciando il posto a Romero. La Germania crea tanto ma a passare sono i sudamericani che prima con Aguero e poi con Lamela trafiggono per ben due volte Neuer nel giro di 45′. Prova sontuosa di Di Maria e Mascherano, prestazione accorta per l’ex azzurro Federico Fernandez che, nella ripresa, va a far male i tedeschi insaccando il colpo di testa che vale il 3-0. Terza rete in nazionale per Fernandez e terzo assist del match per el Fideo Di Maria. Il nuovo gioiello dello United si mette in propio al 50′ segnando la rete dello 0-4 con un delizioso pallonetto: clomoroso a Dusseldorf! La squadra di Low, comunque, trova un minimo di reazione e riesce a ridimensionare la sonfitta grazie alle reti di Schurrle e di Mario Gotze, il match winner della sfida del Maracana. A 10 minuti dal termine, il Tata Martino concede un po’ di spazio a Mariano Andujar. A Dusseldorf, Germania-Argentina termina 2-4.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.