Il calcio rischia il crac: «rosso» per 2,6 miliardi, ma il Napoli è in attivo

Gnudi parla di fallimento, In utile soltanto il Napoli ed altri 18 club su 107

Una fotografia impietosa che immortala la voragine del calcio italiano, con l’indebitamento della serie A salito fino a quota 2,6 miliardi di euro nel 2010-2011. Crescono i debiti, aumentano le perdite e cala soprattutto il valore della produzione. Colpa non solo dei trofei che non arrivano, ma soprattutto di un modello non più sostenibile perché basato quasi esclusivamente sugli introiti dei diritti tv, che in serie A rappresentano il 55% dei ricavi di esercizio. A scattare l’inquietante istantanea sul pallone professionistico italiano è il «Report Calcio 2012», presentato nella sede dell’Abi dal centro studi della Figc, Arel e PricewaterhouseCoopers, con numeri inequivocabili: l’indebitamento complessivo della Serie A nel 2010-2011 è salito del 14%, 2,6 miliardi di euro contro i 2,3 miliardi della stagione precedente.
Dura l’analisi del ministro dello Sport e Turismo, Piero Gnudi, che ha parlato di un sistema al collasso, con numeri da fallimento. «Io faccio il ragioniere e leggo bilanci molto preoccupanti. In altri ambiti, con quei numeri si parlerebbe di società prossime al fallimento. Si rischia di non avere società in grado di iscriversi ai campionati». Lo scorso anno le perdite sono cresciute del 23% a 428 milioni di euro, un risultato che coinvolge tutte le leghe: tra i 107 club analizzati (su 127) solo 19 hanno chiuso i bilanci in utile: 8 in A (Napoli, Udinese, Lazio, Parma, Catania e Palermo, più le retrocesse Bari e Brescia), 7 in B, 4 in Lega Pro. D’altronde il valore della produzione è calato ancora a 2,5 miliardi (-1,2%): un miliardo arriva dai diritti tv della sola A che genera l’82% dei ricavi. La serie B pesa per il 14% (era l’11%) e la Lega Pro il 4% (era il 5%). Il costo della produzione è pari, invece, a 2,9 miliardi di euro, in aumento dell’1,5% rispetto alla stagione precedente. La crisi colpisce anche i presidenti delle squadre di calcio che hanno dato una stretta, timida, ai costi. Nel 2010-2011, infatti, il trend di crescita è rallentato molto se confrontato con il +6,8% registrato nel 2009-2010 il +6,4% del 2008-2009.
Sul fronte fiscale, nel 2009, il calcio ha contribuito allo Stato con un miliardo di euro: l’85% (875 milioni) deriva dal contributo fiscale e previdenziale delle società, mentre i rimanenti 155 milioni sono relativi al gettito erariale derivante dalle scommesse. Con lo strapotere delle televisioni, ma anche a causa dello stato in cui si trova l’impiantistica italiana da oltre 20 anni, il numero complessivo dei tifosi allo stadio è calato del 4% a quota 13,3 milioni. E così lo scorso anno gli stadi della serie A sono stati riempiti solo al 56%, e la biglietteria ha pesato solo il 10% del totale del valore della produzione dei club. I club stanno spingendo per una nuova normativa in tema di impianti: «Che sia una priorità per il calcio è indiscutibile – ha aggiunto Gnudi -. Sono convinto che si debba andare avanti, anche per innescare nuovi investimenti da parte dei privati, utili alla crescita del paese. C’è bisogno, però, che finisca questa crisi, altrimenti anche con la nuova legge, sarà difficile trovare degli investitori».
Una necessità condivisa dal presidente della Figc, Giancarlo Abete: «Speriamo che ci sia grande attenzione delle istituzioni per salvaguardare il patrimonio del calcio italiano – ha auspicato -. La legge sugli stadi è ferma, ma noi dobbiamo restare lucidi, anche perché l’Uefa ha riaperto le dichiarazioni di interesse per Euro 2020, e, se restiamo così, noi non giocheremo nemmeno la partita». Il numero 1 del Coni, Gianni Petrucci, ha invitato i club a non piangersi addosso. «Ad eccezione dello Juventus Stadium, finora ho visto solo plastici straordinari. Se ci si potesse giocare, sarebbe meglio che al Camp Nou. Mi auguro che ci sia presto un passo avanti, anche perchè non capisco cosa ci sia di così impossibile nell’approvazione della legge».

Fonte: Il Mattino

La Redazione

P.S.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.