Il Mattino – Progetto De Laurentiis: «Voglio Rossi»

Il patron del Napoli svela l’obiettivo, che corrisponde all'attaccante del Villarreal

 

Dapprima incredulo, quindi sorpreso, poi stupefatto. In cinque giorni Aurelio De Laurentiis ha attraversato diversi e contrastanti stati d’animo,ma alla fine ha deciso che su Lavezzi non poteva stare in silenzio: «A me che l’argentino se ne sia andato in vacanza a Porto Rotondo mi può stare anche bene. Ma quello che proprio non mi è andato giù è che nessuno me lo abbia comunicato – dice con un sorriso seccato il presidente azzurro durante un’intervista all’ora di cena a SkySport – Non mi ha inquietato vederlo partire, ma ho considerato come una violenza, una cafonaggine non dirmelo. Questo mi ha disgustato anche se credo alla buona fede. Altrimenti avrei dovuto prendere ben altri provvedimenti». Facile immaginare che «la gaffe» abbia fatto imbestialire il patron e che i destinatari della parole siano, in ordine, Walter Mazzarri e Riccardo Bigon. Insomma su Lavezzi hanno sbagliato tutto. De Laurentiis parla a ruota libera e svela quello che poteva essere ma non è successo. Ma che non è detto che non sarà. Ammette che, qualche mese fa, la suggestione più affascinante del suo mercato è stata Pepito Rossi: «L’ho chiamato personalmente, gli ho detto di venire da noi. Lui ha esitato e mi ha risposto di no. Ma io non lo mollo, lo contatterò ancora e chiamerò anche il suo club. Mi piace molto e penso che sia un affare che si può fare: anche se poi dovesse venire a gennaio o il prossimo anno. Ora vado in Spagna e coglierò l’occasione per parlare coi dirigenti del Villarreal». Rossi obiettivo el prossimo anno, insomma. Un sogno che, probabilmente, è destinato a rimanere tale. Anche se, subito dopo, l’italo-americano, in ritiro a Coverciano, rompendo la sua proverbiale riservatezza ha commentato: «Sono davvero contento di quello che ha detto De Laurentiis». Non è poco per un tipo silenzioso come Pepito. A frenare un po’ il sogno, invece, il procuratore dell’italo-americano, Federico Pastorello: «No, al momento non se ne parla. Adesso è tardi. Il Villarreal ora non lo cede e non credo che lo farà più. Il presidente tornerà alla carica? Rossi in questo momento pensa alla Nazionale e alla Liga. Ma nel calcio mai dire mai…». Il manager di Pepito a metà luglio, proprio in un’intervista al Mattino, aveva aperto uno spiraglio alla trattativa, considerando piuttosto concreta la possibilità di un trasferimento al Napoli. Rossi è un ottimo affare, perché costa cifre ragionevoli (il Villarreal chiedeva 30 milioni) non guadagna uno stipendio iperbolico (3,5 milioni a stagione) anche se superiore al tetto fissato dal Napoli. Ma De Laurentiis racconta anche un altro no che ha incassato questa estate: quello di Vucinic. «E pensare che alla Roma avevo offerto persino di più di quello che poi ha ricevuto dalla Juventus», è il rammarico del presidente. Anche qui ha pesato il rifiuto del montenegrino: «Mi diceva che voleva andare in Premier, poi ha cambiato idea». Due obiettivi sfumati e ormai lontani. Per la verità, De Laurentiis non si preclude ancora nulla e sbircia qualsiasi pista. Ma esclude quella che porta a Balotelli: «Caratterialmente è dirompente quindi meglio che vada altrove a smussare il suo carattere. Poi quando smetterà di sfasciare auto la notte, potrei pensare a lui». È in gran forma il presidente azzurro che parla dagli studi romani della tv satellitare di Murdoch. Spiega a chiare lettere la strategia di mercato: «Rossi è un’ipotesi legata all’addio di Lavezzi – racconta – lui ha una clausola rescissoria e se trova un club che la paga noi saremo costretti a cederlo. In quel caso mi dovrei scatenare sul mercato». Ecco dunque che la vicenda del Pocho in vacanza in Sardegna che si intreccia con l’improvviso forcing su Giuseppe Rossi che De Laurentiis non si è ancora tolto dalla testa: «Ripeto, sono anche disposto a prenderlo e lasciarlo al Villarreal fino a gennaio o al prossimo giugno. Ne parlerò con i dirigenti spagnoli.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.