Il Roma – Milik, la clausola c’è. Ma non vuol dire addio a breve termine

Il Roma – Milik, la clausola c’è. Ma non vuol dire addio a breve termine

Clausola rescissoria, ci risiamo. Dopo Higuaìn toccherà anche a Milik? De Laurentiis all’evento “Fuori Cinema”, ha detto: «La clausola esiste anche per Milik», frase che andrebbe decontestualizzata, nel senso che il patron intendeva che il giocatore potenzialmente vale quanto Higuaìn, ma anche un modo per rispondere in modo provocatorio all’ennesima domanda sul Pipita e le clausola. De Laurentiis ha così sdrammatizzato, senza però tenere conto che molti tifosi si sono spaventati. In realtà sull’esistenza di una clausola rescissoria su Milik non sono arrivate conferme, almeno da parte dell’entourage del giocatore. Probabile, semmai che tra le parti esista un accordo verbale che preveda l’inserimento della clausola, o qualcosa di simile. Va detto, per chiarezza, che anche per Higuaìn si cominciò a parlare di clausola in maniera soffusa, con tanto di smentite sulla sua esistenza. Poi tutto si è rivelato vero. Nessuno sa cosa succederà con Milik, ma è anche vero che è impossibile sapere con certezza se queste clausole esistono e a quanto ammontano. Nessuno, infatti, vede i contratti dei calciatori o ne ha una copia nel cassetto. Bisogna soltanto confrontare le versioni delle parti e farsi un’idea. Di sicuro, e questo non teme smentita, il Napoli punta su Milik ancora a lungo. Due, probabilmente tre anni. Forse di più. Insomma, clausola (ammesso che esista) non vuol dire addio tra un anno. La prossima estate, in pratica. Su questo i tifosi del Napoli devono stare tranquilli. Anche se De Laurentiis un giorno davvero fisserà il prezzo di vendita, sarà soltanto a termine di un ciclo, o quando il giocatore farà capire di voler andar via. E per ora Milik sembra essere intenzionato a rimanere a Napoli ancora a lungo. Lo testimonia il suo attaccamento ai colori e alla città, e all’entusiasmo di sentirsi già un calciatore importante. Che le clausole facciano paura è sicuramente vero, ma sono un tema oscuro. Ad oggi Zielinski l’ha firmata, ma valida solo per l’estero. Bisogna capire se questa esiste anche per Rog, come sembra, mentre anche Maksimovic ne ha firmata una molto alta. In questo caso le conferme sono arrivate da entrambi gli entourage dei calciatori. Difficile da capire se anche Koulibaly l’ha firmata, mentre Mertens e Insigne non la dovrebbero avere. Hysaj l’ha chiesta, ma non si è trovato l’accordo ed è possibile che le parti ne riparleranno dopo che il terzino albanese avrà firmato il prolungamento. Insomma, se la clausola è il preludio a un addio, nessuno dei calciatori nuovi arrivati dovrebbe essere di passaggio. La clausola è servita per fissare gigantesche plusvalenze e permettere a quei giocatori più “irrequieti” di potersi liberare senza molti problemi. Anche per questo motivo De Laurentiis è ben disposto verso questa soluzione. Soldi certi nelle casse societarie e calciatori felici. Tra questi c’è Milik, che clausola o non clausola sa di essere stato pagato 35 milioni. Il secondo acquisto più costo del Napoli di De Laurentiis. E se il presidente sogna di venderlo un domani a 120 milioni non si può certo dargli torto…

Fonte: Il Roma


Laureando in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, diplomato al Liceo Classico Jacopo Sannazaro. Dal 2011 collabora con la Redazione del programma TV Golden Gol di Mario Cacciatore, visibile su Tele A+ e Tv Capital e con IamNaples.it, cura l’organizzazione del torneo universitario di calcio a 8 “UniConfederation League”. Appassionato di tutti gli sport, in particolare calcio, tennis e pallacanestro, ama particolarmente il calcio minore, soprattutto quello campano. Il suo obiettivo massimo è formarsi nel giornalismo sportivo.

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google