La storia del Nuovo Quarto per la Legalità: dalla camorra al pm Ardituro, fino all’Eccellenza

La storia della società sportiva Nuova Quarto per la Legalità è una storia di straordinaria reazione al degrado. Tutto inizia a Quarto Flegreo, 40mila anime periferiche di Napoli, comune ad alta infiltrazione camorristica, attualmente commissariato. Lì, due anni fa, l’operazione “Polvere”, per iniziativa del magistrato Dda, Ardituro, provoca un terremoto nel clan Polverino, con l’arresto di numerosi affiliati, tra i quali Castrese Paragliola, allora presidente del Quarto, cognato di Roberto Perrone, capozona dei Polverino. Anche la società sportiva, la cui maglia era stata vestita in passato da Diego Jr Maradona Sinagra, contribuiva alla gestione del consenso. Dopo una prima stagione in cui il Quarto prosegue la sua attività faticosamente nel campionato di Promozione, nel maggio dello scorso anno Ardituro ne affida la presidenza a Cuomo, già numero uno della locale associazione antiracket Sos Impresa. Viene lanciato un azionariato popolare, che raccoglie 1000 iscritti, con quote variabili da 10 a 5mila euro, stilato un codice etico che prevede fedina pulita per i tesserati e comportamenti dentro e fuori del campo all’insegna del fair play. Richiamato il tecnico Amorosetti e la stagione scorsa finisce con la promozione.

Fonte: Corriere dello Sport.

La Redazione.

D.G.

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.