Per il Napoli è una scalata irresistibile

Dal 2004 ad oggi il club azzurro ha fatto passi da gigante

In fondo al tunnel, a pensarci bene, c’era il buio: un buco nero, una nuvola di fuliggine, la disperazione d’una città inghiottita dal nulla e costretta a rifugiarsi nei ricordi, attraverso i quali macerarsi. L’agosto del 2004, manco fosse un’altra vita fa: il caldo insopprimibile, la Fallimentare a Castelcapuano, un pallone vuoto, sgonfio, anzi squarciato e per futuro l’ignoto. Le vie del Signore sono infinite ma, l’altro ieri, cioè in quei giorni, oltre la foschia c’era il pessimismo e otto anni per arrivare dall’inferno al paradiso sarebbero sembrati un’eresia. 30 settembre 2012: ma voi l’avreste mai immaginato? Cinque vittorie, un pareggio, la miglior difesa (con due reti) che sostiene un attacco da dodici gol secondo soltanto alla Juventus, la compagna di viaggio d’una «fughina» verso la felicità perduta: l’oro di Napoli che ora brilla al sole è in quel progetto trasformato in realtà, nell’idea di calcio imposta perseverando, perché sbagliare era già stato diabolico e stavolta bisogna svoltare.

CHE IMPRESA!…. – La memoria è un labirinto impregnato dal veleno dei ricordi, ma ora che Napoli s’è sistemata lassù e qualcuno la ama, si può anche giochicchiare con i destini propri e quelli altrui e rimettersi a sfogliare le pagine del passato per specchiarsi dentro, lasciarsi dondolare dall’onda lunga dei trionfi e osservare sul bagnasciuga i detriti di quell’estate egualmente indimenticabile, perché tutto resta (dentro). Agosto 2004, già: mentre Napoli è (calcisticamente) carta straccia, in Bundesliga si torna in campo con il Werder Brema che debutta da campione di Germania e il Bayern livido di rabbia per essere stato battuto; e nella Liga, il Barcellona riparte (all’epoca) a caccia del Valencia; e in Liga one, il Marsiglia deve rialzarsi da un settimo posto che pesa come e anche più d’un macigno; e in Premier, il Chelsea si lecca le ferite lasciategli sulla pelle dall’Arsenal. Napoli-Cittadella finisce 3-3 e rappresenta una conquista, la fine dell’incubo d’una scomparsa che Aurelio De Laurentiis ha appena evitato, il cammino faticoso verso una nuova esistenza. Otto anni fa, le attuali regine (provvisorie) d’Europa vivevano comunque di luce propria protagoniste (come sempre) protette dal limbo d’una gioia solo momentaneamente accantonata, floride e rigogliose, ancorché amareggiate. E Napoli, ripresa per i capelli, a campionati ormai avviati e a calendari largamente compilati, ricominciava dal sottoscala: venti club in serie A, ventidue in B, il girone settentrionale di C/1 con diciannove club e diciotto nel raggruppamento meridionale, con la settantovesima squadra che aveva una bacheca da far impallidire, due scudetti e le coppe Italia e la coppa Uefa e Maradona e cinque milioni di tifosi del mondo e un pezzetto di carta che la rianimava. Tutto qua. Tutto là.

DA RECORD…. – Il tempo è un galantuomo e ha rimosso persino le cicatrici dall’anima, trascinando dalla polvere della serie C all’altare della serie A: e otto anni dopo, nell’elite del calcio, al fianco del Chelsea che guida in Inghilterra e del Bayern che comanda in Germania, del Marsiglia ch’è leader in Francia e del Barcellona che esalta in Spagna, Napoli s’è ritagliato – al fianco della Juventus – una sua dignità attraverso una filosofia societaria e tecnica che ha resistito a qualsiasi tentazione e non s’è mai lasciata inghiottire (o ingolosire) da qualsiasi tipo di follia. Otto anni per sentire la pelle incresparsi ancora ma stavolta sono emozioni e non più i brividi della paura o, peggio ancora, quelli della «vergogna». Le favole esistono e comprendono i principi azzurri.
Fonte: Corriere dello Sport
La Redazione
A.S.
Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.