Sacchi: “Sarri a Napoli ha fatto un’impresa culturale, una bellezza che con Ancelotti ora scomparirà”

Sacchi: “Sarri a Napoli ha fatto un’impresa culturale, una bellezza che con Ancelotti ora scomparirà”

Intervistato ai microfoni di Repubblica Arrigo Sacchi, tra i migliori tecnici della storia del calcio in Italia, ha parlato del passaggio di consegne da Maurizio Sarri a Carlo Ancelotti. Ecco le sue dichiarazioni:

“Sarri aveva tutti giocatori sconosciuti, un fatturato minimo rispetto alla Juve che gil ha pure preso l’uomo più forte, ma ha ricordato a tutti che la bellezza è un valore, non solo un sogno. Sarri è riuscito nell’impresa più difficile: allenare il pressing. Perché, vedete, il pressing i torinesi ed i milanesi lo hanno nel Dna, la gente in città va di fretta, ma a Napoli non è così: dunque, certe imprese anche culturali valgono il doppio. Temo che senza Sarri tutto questo finirà, non me ne voglia il mio caro amico Ancelotti”.

Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google