Salvini: “Quando vedo partite senza pubblico cambio canale, serve un progressivo ritorno. Su Napoli-Pescara dico…”

Parla cosi il politico

Ai microfoni di radio Punto Nuovo ha parlato così Matteo Salvini. Ecco le sue parole:

“La mia non è una questione politica, lo sport è vita, è passione. Le partite di calcio, basket, pallavolo, non mi sembra di vedere lo sport. Al signor Conte dico che la Regione Emilia-Romagna ospita il Gran Premio di motociclismo nel prossimo fine settimana ed hanno autorizzato l’ingresso di 10.000 persone per ogni gara, in maniera oculata. Nessuno pretende di fare un concerto al San Paolo con 60.000 persone, ma se ne entrano 10.000 per un evento sportivo, uno ogni 5 metri, con ingressi scaglionati, credo che qualsiasi tifoso sia rispettoso di ogni misura di sicurezza. Chi continua ad alimentare la paura, il terrore, fa il male del Paese. Ieri ero al Festival del Cinema a godermi un film, c’era un posto sì ed uno no occupati, in una sala chiusa, si entrava con cautela. Gradualmente, con prudenza, si può fare. Da tifoso, alla terza partita vista in TV, con il tifo finto, cambio canale. Quello non è sport, non è calcio, non è passione. Ci sono stadi enormi all’aperto con una capienza di 50.000 persone, ne entrano 10.000. Un palazzetto che ospita 10.000 persone, allora ne fai entrare 1.000. Aperti teatri, cinema, si apriranno le scuole, a qualcuno forse fa comodo trovare capri espiatori per sfogare le proprie pressioni. Una volta chiudiamo le discoteche, un’altra i palazzetti e non vogliono aprire gli stadi. Basta che non ci diano dei negazionisti. Invitiamo alla cautela, alla prudenza, alla distanza, al buon senso, cosa che tutti hanno dimostrato in sei mesi. Lo stadio, il calcio – per qualcuno che magari ignora – non sono solo Cristiano Ronaldo o i campioni da 10 milioni, sono migliaia di posti di lavoro. Nessuno pensa ad un Napoli-Milan sold out, ma ad un progressivo ritorno sì. Forza Inter per prendere voti? No, mi viene difficile (ride, ndr). Europa League? Lascio indovinare cosa posso tifare quando giocano Inter o Juventus, io italiano tifo quando gioca la Nazionale. Se vince il Napoli, non mi dispiace. Sport e Salute? L’idea era valida, quella di avvicinare i territori alle Federazioni. Lo sport è anche business, per fare atletica, nuoto, pallanuoto, hai bisogno di soldi ed era giusto allargare la platea degli sport che potessero godere di questi soldi. So che Spadafora ha minacciato le dimissioni, ma mi pare sia tutto fermo. Non è il momento per litigare, adesso. Prima si torna ad uno sport in presenza, meglio è, sempre rispettando le norme. Siamo chiusi da marzo, siamo a settembre, per le Università, per le scuole, per lo sport, ci sono 18 comitati scientifici, qualcuno avrà pianificato qualcosa o siamo arrivati a metà settembre senza aver pianificato nulla? Al di là della Serie A, pensiamo ai campionati minori: senza tifosi falliscono. Tra due mesi rischiamo di avere una strage di lavoratori. Napoli-Pescara? Perché non far entrare 3.000 persone al San Paolo?“.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.