Tony Iavarone: “Un punto pesantissimo qualificazione più vicina”

Il Napoli ha compiuto metà della missione. Peccato per l’ammonizione a Cannavaro – si è giocato la partita di ritorno – perché questo pari potrà diventare incredibilmente prezioso quando si delineerà la griglia delle qualificate agli ottavi. Gli azzurri ieri sera hanno fatto qualcosa di molto interessante: quindi non solo a Manchester, ma pure in casa, di fronte a una squadra che appartiene all’elite d’Europa, hanno offerto una prestazione di cuore e anima ai 60mila del San Paolo. Merito dei titolarissimi che sono per nove undicesimi gli stessi di due anni fa, quando l’irascibile allenatore livornese sostituì Donadoni. Poco, pochissimo è cambiato in questa formazione che ha giocato la quasi totalità delle novantadue partite tra Europa e campionato della gestione Mazzarri. Ecco perché il pareggio col Bayern è degno di rispetto. Anni di sofferenze e di attese spesso vane si condensano nei ricordi di una palpitante serata, fotogrammi di una Champions League raggiunta dopo 21 anni passando senza tremare da Gela, dalla serie C all’Europa più grande. Il Napoli aveva un compito difficile in partenza, e si è rilevato ancora più complicato dopo un quarto d’?ora. Avversari scintillanti, velocissimi, ma pure un gran palleggio e con qualche novità tattica. La sorpresa era soprattutto Ribery non a destra ma al centro. Il primo a disturbare la manovra di Inler, il primo a puntare verso la porta nello spazio lasciato dalle vere punte: Gomez a sinistra e Muller a destra.
Il Bayern Monaco è una collezione di campioni, il Napoli invece colleziona emozioni: meglio. Un autogol a favore, un rigore parato, un po’ di affondi, un salvataggio sulla linea, questa la sintesi di una resistenza ad oltranza diventata un mezzo capolavoro. Certo, la partita ha fatto soffrire i napoletani, ma è il logico tributo che s’è dovuto pagare a una serata così trepidante.
Esce con onore, il Napoli, non solo da questa sfida ma dal cammino fin qui compiuto nel girone terribile, quello con Manchester City, Bayern e Villareal. Dopo il sorteggio, sembrava non ci fosse scampo per l’undici partenopeo, che viceversa si ritrova adesso davanti al City e agli spagnoli. Tutto apertissimo, dunque. E si potrà osare, ma con molto più coraggio. Il campo sta dimostrando che il Napoli si giocherà la qualificazione fino all’ultimo secondo.

La Redazione

A.S.

Fonte Tony Iavarone per Il Mattino

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google