Violenza, al vaglio i provvedimenti: l’intenzione è dare pieni poteri al Daspo

Rafforzamento del daspo, ma nessuna black list delle gare a rischio da giocare solo di giorno, come sembrava che dovesse succedere partendo da Roma, città pilota di un esperimento costellato però da troppi ostacoli per poter andare in porto. E forse anche intriso del rischio di “criminalizzare” la Capitale oltre i suoi… demeriti, al di là degli ultimi fatti legati alla finale di Coppa Italia. Se una risposta forte va data alla recrudescenza di episodi violenti nel calcio, non deve essere attraverso provvedimenti a campione, ma con una strategica sistemica. E’ quello che pensano al Viminale. L’Osservatorio sulle manifestazioni sportive – organismo in cui la Lega Calcio è organo deliberante: ricordiamolo ai meno attenti – si è riunito ieri per il consesso di fine anno.

ORARI. Dal punto di vista dell’organizzazione degli incontri la responsabilizzazione delle società, padrone di casa dell’evento, è da un po’ un punto fermo. Ecco che quindi, fatta salva la sacralità dei calendari, ogni spostamento preordinato, tra l’altro per un’intera stagione, per rischi connessi all’ordine e alla sicurezza pubblica porrebbe diversi ordini di problemi. Palinsesti? Uno. E poi l’Uefa accetterebbe mai la Champions al pomeriggio? No. Resta salva naturalmente (e questo è l’altro ambito “sacrale” su cui si sancisce un equilibrio di rapporti finora funzionale) il ruolo valutativo del Casms (Centro analisi sicurezza manifestazioni sportive) e la successiva determinazione dei singoli prefetti di spostare eccezionalmente gli orari una gara a fronte di rischi specifici.

FUTURO. C’è da dire che il Viminale coglie segnali di una stagione, la prossima, potenzialmente critica. Occorrerà presto un provvedimento legislativo che potenzi il daspo: rendendolo “di gruppo” (e quindi dando la possibilità di colpire il branco senza dover accertare per ciascuno le responsabilità specifiche), inasprendolo per chi reitera (fino a 8 anni), ampliandone gli effetti territoriali anche ai reati commessi fuori lo stadio ma riferiti al “percorso” di una partita. E conferendogli l’effetto di internazionalità.

Fonte: Corriere dello Sport

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.