Europa League – Salisburgo-Napoli 3-1: Sconfitta indolore che vale la qualificazione. Le pagelle di IamNaples.it

Europa League – Salisburgo-Napoli 3-1: Sconfitta indolore che vale la qualificazione. Le pagelle di IamNaples.it

Gli azzurri si qualificano ai quarti di finale di Europa League anche se perdono in casa del Salisburgo per 3-1offrendo una buona prestazione nel primo tempo ma troppo rinunciataria nella seconda frazione dove gli austriaci hanno chiuso gli azzurri nella propria metà campo segnando 2 gol e mettendo paura ad Ancelotti e la sua squadra.

Ecco le pagelle di IamNaples.it

Meret 6: Non può niente sui due gol degli austriaci, è attento nelle altre situazioni di gioco.  Ancelotti più volte lo richiama perchè vuole che lanci più spesso lungo verso Milik invece di far partire l’azione dal basso. Con il senno di poi le sue parate nella partita d’andata si rivelano fondamentali.

Hysaj 6: Sulla destra accompagna sempre l’azione offensiva degli azzurri soprattutto nel primo tempo. Si dimostra duttile quando nel finale il mister lo impiega nel ruolo di centrale al posto di Chiriches

Chiriches 6,5: Guida il compagno di difesa con tutta la sue esperienza, non fa sentire la mancanza dei due difensori centrali titolari. Con un Chiriches così Ancelotti può puntare forte anche su di lui. Si infortuna al minuto 76 ed esce.( Dal 77′ Malcuit 5,5: Al contrario di Diawara non entra benissimo in partita, dal suo lato attaccano in 3 e non riesce a dare la giusta copertura)

Luperto 6 : All’esordio assoluto dal primo minuto in Europa League dimostra personalità. Nel secondo tempo cala di molto la sua prestazione, Gulbrandsen parte alle sue spalle e la mette dentro per il secondo gol del Salisburgo

Mario Rui 6,5: Nei primi 20 minuti del primo tempo in fase offensiva è micidiale, dai suoi piedi parte l’azione da cui poi scaturisce il gol della tranquillità. Vede Gulbrandsen davanti a lui segnare, poteva stringere di più la diagonale in quel caso.

Callejon 6: Spesso non bada al sodo ed invece di giocare il pallone lo spazza in avanti, è utile in fase difensiva ma non si vede quasi mai in fase offensiva.

Allan 5,5: Da lui arriva l’errore da cui poi scaturisce il gol di Dabbur che ridà speranze al Salisburgo. La sua partita è stranissima, perde tanti palloni ma ne recupera altrettanti.

Fabian 7: In mezzo al campo è lui il metronomo del Napoli, recupera tantissimi palloni e ne gioca altrettanti. In alcuni frangenti di gioco esagera nel dribbling fidandosi troppo delle sue qualità ma è senza dubbio uno dei migliori della squadra

Zielinski 5,5: Buona gestione del pallone anche se Ancelotti spesso lo rimprovera per qualche ricamo di troppo. Nel secondo tempo scompare dalla partita, Ancelotti lo capisce e lo sostituisce. (Dal 73′ Diawara 6: Entra bene nel vivo del gioco, è aggressivo su ogni pallone ed è ordinato quando entra in possesso)

Mertens 5,5: L’assist fantastico al minuto 27 per Milik meritava una finalizzazione migliore. Meglio in fase difensiva che offensiva dove anche da posizione favorevole non riesce a segnare, nessun gol nel 2019 per lui. (Dall’87’ Younes S.V)

Milik 6,5: Glaciale nella situazione del primo gol dove non sbaglia davanti al portiere. Difende sempre bene palla e fa salire la squadra. Ingenuo ed inutile il giallo sul finire del primo tempo.

All. Carlo Ancelotti 5,5: Formazione d’emergenza per l’allenatore romagnolo che deve fare a meno di Maksimovic e Koulibaly e all’ultimo minuto da forfait anche Insigne. L’approccio alla partita è dei migliori, arriva subito il gol della tranquillità. All’inizio del secondo tempo la sua squadra perde la bussola e subisce troppo, il 3-1 è un risultato pesante che però non influisce sulla qualificazione. Ai quarti ci vorrà però maggiore attenzione anche fuori casa

 

A cura di Francesco Russo


La redazione di IamNaples.it

Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google