FOCUS – Europa League, le possibili avversarie del Napoli: spauracchio Arsenal, occhio al Cholo ma la Russia..

FOCUS – Europa League, le possibili avversarie del Napoli: spauracchio Arsenal, occhio al Cholo ma la Russia..

Il giorno dopo l’amara delusione Champions League, il Napoli scopre tutte le possibili avversarie ai sedicesimi di Europa League. Gli azzurri si affacciano al secondo torneo continentale da “non testa di serie” e quindi con un alto rischio di trovare nell’urna di Nyon un’avversaria di primo livello. Oltre le migliori quattro retrocesse dalla Champions, gli azzurri potranno trovarsi contro soltanto 9 delle 12 prime dei rispettivi gruppi. Questo in virtù del passaggio del turno in testa al proprio girone di Milan, Atalanta e Lazio e l’impossibilità di scontri diretti tra compagini provenienti dallo stesso paese. Il sorteggio è in programma il prossimo lunedì 11 dicembre. Le partite si disputeranno giovedì 15 e 22 febbraio alle 19:00 e 21:05. Le squadre teste di serie giocheranno il ritorno in casa.

VILLARREAL: Il sottomarino giallo, l’Europa League, la Champions e il Napoli. Sembra un film già visto ma è una delle opportunità che possono uscire fuori dall’urna svizzera di Nyon. Gli spagnoli hanno vinto il proprio girone, grazie anche alle giocate degli italiani Sansone e Soriano, quest’ultimo spesso accostato agli azzurri ai tempi della sua esperienza doriana. In campionato occupa il sesto posto con 21 punti raccolti in 14 partite. Bakambu e Bacca guidano l’attacco dei gialli. DIFFICOLTA’: MEDIA

DINAMO KIEV: Gli ucraini avversari del Napoli nella scorsa edizione della Champions League, sono una squadra potenzialmente scomoda da affrontare visto anche l’eventuale clima gelido in Ucraina in pieno inverno. L’anno scorso la vittoria firmata Milik nel 2-1 di Kiev. Al ritorno 0-0 al San Paolo col Napoli quasi certo del passaggio del turno. DIFFICOLTA’: MEDIA

BRAGA: I lusitani sono quarti in campionato alle spalle di Porto, Sporting Lisbona e Benicar, e si affidano alle giocate di Ricardo Horta e Xadas. Un incrocio nel 2012 in amichevole al San Paolo sotto la guida Mazzarri: 3-1 per gli azzurri il risultato finale con realizzazioni tra gli altri di Pandev e Zuniga.  DIFFICOLTA’: BASSA

LOKOMOTIV MOSCA: La Russia mancata dagli azzurri dell’Italia di Ventura, possibile incrocio per l’azzurro del Napoli. Ben 3 le possibilità di giocare nella paese dell’est Europa. La Lokomotiv, trascinata dai gol di Jefferson Farfan comanda il proprio campionato con 6 punti di vantaggio sullo Zenit di Mancini. I russi però avranno da superare l’handicap del proprio campionato fermo da dicembre a marzo con i sedicesimi in programma in febbraio. DIFFICOLTA’: MEDIA

VIKTORIA PLZEN: Vittoria e primato per i cechi, altra vecchia conoscenza del Napoli nelle ultime apparizioni in Europa League. L’unico precedente tra le due squadre risalente alla stagione 2012/2013 proprio ai sedicesimi di finale di Europa League con gli azzurri che lasciarono la competizione dopo la doppia sconfitta (0-3 al San Paolo, 2-0 in Rep.Ceca). I cechi hanno già concluso la prima metà del campionato chiudendo in testa con 14 punti di vantaggio sul Sigma Olomouc vista la sosta del campionato fermo fino a febbraio. DIFFICOLTA’: BASSA

ARSENAL: La squadra di Wenger centra a mani basse la qualificazione al secondo turno dominando il proprio girone schierando per la maggior parte dei match le seconde linee. In Premier League viaggia al quinto posto dietro le due squadre di Manchester, oltre che Chelsea e Liverpool. Il club londinese è abituato a partecipare a competizioni europee e può vantare in rosa calciatori dal calibro di Ozil, Sanchez e l’ultimo arrivato Lacazette. Tra i pali l’esperienza di Cech è accompagnata dal capitano della nazionale francese, Koscielny. Un accoppiamento riporterebbe alla memoria l’edizione Champions più sfortunata per un club registrata. In tre squadre a quota 12 e azzurri eliminati. Il doppio confronto vide gli azzurri sconfitti a Londra (2-0) e vincere al San Paolo con lo stesso punteggio. DIFFICOLTA’: ALTA

SALISBURGO: L’altra squadra della Red Bull vince il proprio girone con una giornata d’anticipo nonostante fosse tra i più equilibrati nella competizione. Dabbur e Valon Berisha guidano la squadra austriaca anche in campionato dove il Salisburgo è primo a quota 41 punti insieme allo Sturm Graz. Da dicembre a febbraio il campionato austriaco è fermo. Per gli uomini di Marco Rose, una serie di amichevoli a disposizione per teners in forma. DIFFICOLTA’: BASSA

ATHLETIC BILBAO: Primo posto col brivido, raggiunto grazie al pareggio dell’Oestersunds in Germania con l’Hertha Berlino. Una qualificazione degna del difficile inizio di stagione dei baschi. In campionato è in netto ritardo con soli 14 punti in 14 giornate di campionato. Aduriz, Raul Garcia e Inaki Williams le frecce nell’arco di Ziganda. Vivo ancora nei ricordi dei tifosi e della società azzurra il doppio confronto nei play-off Champions League nell’ultimo anno sotto la guida di Rafa Benitez.  DIFFICOLTA’: BASSA

ZENIT SAN PIETROBURGO: La squadra di Roberto Mancini supera con pochi affanni la fase a gironi della competizione. Seconda attuale forza del campionato russo, la squadra dell’ex allenatore di Inter, Lazio e Fiorentina, è tra le candidate ad arrivare in fondo alla competizione vista anche la rosa di alto profilo. L’esperienza di Criscito e Ivanovic guidano una difesa protetta dalle giocate di Leo Paredes. In attacco Ariel Rigoni è ben coadiuvato da Noboa e Kokorin. Come per Lokomotiv e Cska Mosca un pericolo è dettato dallo stop forzato del campionato da metà dicembre a marzo. DIFFICOLTA’: ALTA

CSKA MOSCA: I russi abbandonano la Champions dopo aver rischiato di farcela espugnando nell’ultima partita utile Old Trafford contro il Manchester di Mourinho. In campionato la squadra di Goncharenko è terza con 35 punti alle spalle del Lokomotiv Mosca e dello Zenit di Mancini. La colonna portante del club è formata dai calciatori della nazionale russa Akinfeev, Berezutski e Ignashevich. Buone individualità con Vitinho e il 10 Dzagoev. Un eventuale accoppiamento con i russi dovrà tenere conto del clima freddo nella trasferta nell’est Europa con il vantaggio però di affrontare un club col campionato fermo da dicembre a marzo. DIFFICOLTA’: MEDIA

ATLETICO MADRID: Gli spagnoli lasciano la maggior competizione europea da terzi nel girone più equilibrato in assoluto. Gli uomini di Simeone pagano le prestazioni negative, soprattutto nel punteggio, due pareggi, con gli azeri del Qarabag. Per la squadra di Simeone l’occasione di ripetersi in Europa League. In campionato i Colchoneros sono terzi dietro Barcellona e Valencia nonostante le 8 vittorie e i 6 pareggi nelle 14 partite, senza alcuna sconfitta, cosa mai accaduta prima nella storia del club madrileno. In Champions un’unica sconfitta, in casa, nel nuovissimo Wanda Metropolitano contro il Chelsea. Griezmann su tutti ma ottime individualità anche con Oblak e Saul Niguez.  DIFFICOLTA’ ALTA 

SPORTING LISBONA: La squadra portoghese ha messo in grosse difficoltà Juventus e Barcellona nel girone chiuso alle spalle per l’appunto dei bianconeri di Torino e dei blaugrana. Un ottimo mercato estivo ha portato in Portogallo giocatori come Mathieu e Fabio Coentrao. Tra i pali Rui Patricio, spesso accostato al Napoli nella scorsa estate quando sembrava certo l’addio di Reina. Primi in campionato a pari merito col Porto, i verdi di Lisbona vantano nelle loro fila vecchie conoscenze del calcio italiano: Schelotto, Piccini e Bruno Fernandes su tutti. Il 4-2-3-1 messo in campo da Jorge Jesus è ficcante oltre che veloce. Gelson Martins e Battaglia offrono quantità e qualità in un centrocampo duro da superare. DIFFICOLTA’ MEDIA

LIPSIA: I tedeschi, vera sorpresa della scorsa Bundesliga, non disdegnano nella prima apparizione in Champions League e lasciano la competizione scivolando in Europa League nel girone che ha visto prevalere l’esperienza di Besiktas e Porto. Una conferma la squadra della Red Bull, che anche in questa stagione sta viaggiando nei piani alti del campionato tedesco alle spalle del Bayern Monaco. Timo Werner e Naby Keita, promesso sposo del Liverpool, i calciatori di maggior talento in rosa. Un’eventuale sfida affascinante ma non impossibile per gli azzurri.  DIFFICOLTA’ MEDIA

Servizio a cura di Salvatore Garofalo


Laureando in Scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, diplomato in ragioneria. Fin da bambino si diletta a commentare partite di calcio in Tv. Un obiettivo prefissato: quello di diventare un giornalista sportivo di grande livello sfruttando la possibilità che IamNaples.it gli concede nel mondo dell’informazione.

Wincatchers
Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google