IN CASA DELL’AVVERSARIO – Frosinone, è già certo l’undici titolare con un unico ballottaggio

IN CASA DELL’AVVERSARIO – Frosinone, è già certo l’undici titolare con un unico ballottaggio

Profumo di Champions al San Paolo. Domani alle 20.45 l’epilogo della stagione del Napoli, basta battere il Frosinone già retrocesso per staccare il pass per la Champions League diretta e ottenere un meritatissimo secondo posto. Higuain può raggiungere o addirittura superare il record di Nordahl con una tripletta, Sarri ha già battuto il record di punti tutti i tempi della società azzurra e può entrare nella storia con una Champions ottenuta dopo ben 45 anni di gavetta. La squadra è concentrata, non saranno ammessi passi falsi e stasera si va in ritiro a Castel Volturno: il Napoli sta per compiere il suo personalissimo capolavoro, dopo di che si potrà programmare la stagione con tranquillità.

COME ARRIVA IL FROSINONE – Il Frosinone di Roberto Stellone ce l’ha messa tutta ma purtroppo non ce l’ha fatta. Dopo una partenza difficile, i ciociari hanno rincorso la salvezza con le unghie e con i denti e grazie ai gol di Ciofani e Dionisi sono riusciti a recuperare molti punti su Carpi e Palermo. Il rigore generosissimo dato al Milan al 92° a San Siro, che ha scippato una clamorosa vittoria della squadra di Stellone e il gol di Politano al minuto 87 nello scorso match contro il Sassuolo sono stati gli ultimi atti di una stagione difficile e di una Serie A che ha visto una squadra orgogliosa e che ha buttato sempre il cuore oltre l’ostacolo, come riconosciuto anche dalla splendida curva frusinate che, nonostante la retrocessione, ha omaggiato Ciofani e co. con un terzo tempo da brividi.

LE DICHIARAZIONI – Roberto Stellone (Allenatore): “Con il Napoli scenderemo in campo cercando di onorarla al massimo, per noi e per i tifosi che verranno in tanti. Cercheremo di fare una partita importante in uno stadio importante. Vogliamo fare bene. Futuro? Dopo Napoli parlerò con il presidente. Fino a quel momento non posso dire niente. Domani ci tengo a fare bene, così come i miei giocatori. Napoli? Dobbiamo dare il massimo. Affronteremo una squadra che ha fatto il miglior calcio quest’anno in Italia. Ha ottime individualità e gioca anche da squadra. Hanno qualità, corsa, gamba e cattiveria. Non a caso il Napoli ha fatto un campionato fantastico, non hanno vinto lo scudetto solo perché la Juventus ha fatto una stagione incredibile. Domani proveremo a fare la nostra partita. La scelta della formazione? Fatta in base a tanti fattori, tra i quali anche il fatto di premiare chi è con noi dalla Lega Pro e magari ha giocato meno quest’anno. Purtroppo il campionato lo vince una, ma il Napoli secondo me ha veramente impressionato tutti quanti. Il prossimo anno magari con qualche innesto mirato potrà fare qualcosa di importante. Partiranno sicuramente avvantaggiati. Ex? Mi hanno chiamato in tanti, a Napoli ho passato quattro anni bellissimi. Anni ricchi di soddisfazioni ma anche di delusioni per gli infortuni subiti. La piazza di Napoli mi ha fatto crescere come uomo e calciatore. Tifo Napoli nel senso che faccio sempre il tifo per le squadre in cui ho giocato. Simpatizzo sempre per le mie ex squadre. Non so che accoglienza mi riserveranno, a Napoli ho passato quattro anni veramente belli. Se mi accoglieranno a braccia aperte, ricambierò perché sono legato a questa squadra”.

Marco Giannitti (Direttore Sportivo): “Negli ultimi due mesi abbiamo dimostrato con qualità di poter stare in Serie A. Siamo stati sfortunati con degli episodi che ci hanno costretto a retrocedere in Serie B. E’ il terzo anno che sono in questa città. Domenica ho avuto un’emozione grandissima vedendo il nostro pubblico gioire nonostante il risultato non positivo conseguito quest’anno. Noi nei mesi di novembre e dicembre abbiamo fatto male, ma poi siamo cresciuti tanto. Siamo stati sfortunati su degli episodi che ci hanno caratterizzato in diversi match persi. La sfida col Napoli? Veniamo al “San Paolo” consci di incontrare una delle squadre più forti d’Europa, cercando con umiltà di fare una grande prestazione. Il futuro di Stellone? Deciderà il presidente. Sarri e Giuntoli? Hanno fatto gavetta ed è giusto che per loro sia arrivata la grande occasione. Il calcio dimostra che chi lavora bene arriva sempre a certi traguardi. Gli azzurri esprimono un gran calcio, una delle migliori squadre a livello europeo. Il presidente De Laurentiis saprà attrezzare al meglio un organico solido in vista della prossima stagione”.

Daniel Ciofani (Attaccante): “Chiuso un ciclo? Se lo stanno chiedendo tutti e credo se lo sta chiedendo anche la società. Quello che mi auguro è che non sia un ciclo finito perchè parlarne non è una cosa piacevole. Una retrocessione sicuramente non è una bella cosa ma spero che non sia chiuso un ciclo. Due anni fa la serie B era tanta cosa per noi dunque credo che dobbiamo metabolizzare bene quello che è successo e ripartire dalla cadetteria dove saremo una piazza importante. Il mio futuro? Io ho un contratto per altri tre anni. E’ ancora presto per parlare di futuro perchè si stanno metabolizzando ancora diverse emozioni. Bisognerà vedere cosa deciderà il presidente e anche le eventuali offerte che arriveranno. Napoli? Sicuramente in virtù di tutto quello che è successo in questi giorni e dei complimenti che ancora continuano ad arrivare noi anche a Napoli onoreremo la maglia e l’impegno del campionato. Daremo tutto anche perchè per molti di noi ci possono essere degli obiettivi personali come me e Dionisi che vorremmo toglierci la soddisfazione di arrivare in doppia cifra. Siamo tutti molto dispiaciuti per il risultato sportivo ma allo stesso tempo abbiamo un’ammirazione verso tutti i nostri tifosi che ci hanno sempre sostenuto. Merito ancora la serie A? Il mercato è un qualcosa di particolare in cui si devono incastrare diversi fattori. L’unica cosa che posso dire di questa stagione è che giocando in serie a non mi sono trovato male. Adesso è il momento di staccare perchè è stata una stagione a livello psico-fisico massacrante. Per il futuro sicuramente qualsiasi cosa accadrà sarà per il mio bene. Mi sento sereno, ho ancora altri tre anni di contratto e Frosinone la sento ormai come una casa. Un voto personale sulla stagione?  Mi darei un sette, alla prima stagione in serie A ho fatto 9 gol. Facendo il confronto con attaccanti di altre squadre che lottavano per retrocedere faccio fatica a trovare quei gol. Io e Federico siamo l’ottava coppia d’attacco del campionato quindi mi sento soddisfatto. Non voglio togliermi sassolini nella scarpa ma certamente dico a chi ci ha criticato troppo in alcuni momenti di non essere ora ipocrita e osannarci. Dico grazie a tutti, alla società, ai tifosi e alle nostre famiglie che ci hanno sopportato e supportato. Tra una serie A e una B a vincere cosa sceglierei? Le scelte si fanno in base a tantissimi criteri non soltanto in base a quello tecnico. Ora come ora non saprei, sicuramente vincere non è facile quindi per fare una scelta del genere bisogna osservare diversi fattori”.

Luca Paganini (Attaccante): “Ammiro molto Callejòn, è un grandissimo calciatore. Quando devi pensare prima a difendere che ad attaccare, è difficile fare tanti goal. Siamo usciti però a testa alta. Napoli-Frosinone? Abbiamo intenzione di onorare il campionato fino alla fine, la Serie A è importante per molti calciatori del Frosinone. Sarà una gara difficilissima per noi ma andremo in campo per dare il massimo. Nel girone di ritorno abbiamo liberato la testa ed espresso un altro calcio rispetto all’andata, provando e trovando nuove soluzioni. Ci stiamo allenando bene e speriamo di fare una bella partita con il Napoli, al momento sto lavorando a parte per un piccolo problemino fisico e non so se giocherò contro gli azzurri. Futuro? Dipende dalle proposte e dalla società, al momento non ci penso. Atalanta? Sono venuti a vedere delle partite ma da qui a parlare di operazioni di mercato ce ne passa”.

 

PROBABILI FORMAZIONI: NAPOLI – Nessun indisponibile, Sarri deve rinunciare solo allo squalificato Albiol che verrà rimpiazzato da Vlad Chiriches. Solito 4-3-3 per il Napoli, non cambiano  gli interpreti, i titolarissimi che hanno portato Sarri a giocarsi la Champions diretta. Questa la probabile formazione: Reina; Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Insigne.

FROSINONE – L’unico indisponibile per Stellone è il portiere Bardi, rimpiazzato da Zappino. In difesa ci saranno Ciofani, uno tra Russo ed Ajeti, Blanchard e Crivello, a centrocampo nella linea a tre ci saranno Sammarco, Frara e Gori, mentre in attacco il tridente sarà composto da Dionisi, Ciofani e Kragl.

L’ARBITRO – Ad arbitrare Napoli-Frosinone, in programma domani sera alle 20.45 sarà il signor Domenico Celi della sezione di Bari, assistito da Di Fiore e Posado, dal quarto uomo Musolino e dagli addizionali Banti e Mariani.

A cura di Dario Gambardella


Laureando in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, diplomato al Liceo Classico Jacopo Sannazaro. Dal 2011 collabora con la Redazione del programma TV Golden Gol di Mario Cacciatore, visibile su Tele A+ e Tv Capital e con IamNaples.it, cura l’organizzazione del torneo universitario di calcio a 8 “UniConfederation League”. Appassionato di tutti gli sport, in particolare calcio, tennis e pallacanestro, ama particolarmente il calcio minore, soprattutto quello campano. Il suo obiettivo massimo è formarsi nel giornalismo sportivo.

Wincatchers
Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google