Ultima amichevole per la Primavera del Napoli, sconfitta 3-2 dal Portici

Gli azzurrini sembravano imballati per i carichi di lavoro, a segno Altomare e Cioffi

Nel weekend in cui la serie A festeggia il ritorno almeno al rumore di mille spettatori, a Portici l’amichevole con la Primavera del Napoli vive situazioni grottesche a causa della disorganizzazione per le scelte di istituzioni e forze dell’ordine. La partita doveva essere a porte chiuse ma ad un certo punto c’erano più di 80 spettatori,  è arrivato così l’ordine per tutti (anche le persone in lista compresi gli addetti ai lavori) di uscire e rientrare come se stessimo facendo il gioco della sedia. Al di là di quest’incidente di percorso, pensiamo al campo. Il Portici, squadra di serie D impegnata nel girone H, allenata dalla vecchia conoscenza del vivaio del Napoli Domenico Panico, affronta la Primavera azzurra nell’ultimo test precampionato. Mercoledì per gli azzurrini si fa sul serio, a Cercola arriva l’Ascoli, squadra che affronta il campionato Primavera 1 e venerdì ha perso in casa contro la Roma all’ultimo istante, per il primo turno eliminatorio di Coppa Italia. Nelle fila azzurre mancavano Labriola, centrocampista classe ‘2001 richiesto da alcuni club di serie C, il portiere Idasiak in tribuna dopo gli impegni con la Nazionale e poi mister Cascione attende l’arrivo di Meloni e Modugno dalla Roma, che fanno parte dell’affare Milik. In campo c’erano due volti nuovi: il difensore centrale di proprietà del Rimini ed ex Cattolica Guarino e l’esterno destro Nathanael.

Il Napoli è parso piuttosto imballato, probabilmente sta soffrendo i carichi di lavoro dovuti alla preparazione in corso. Nel Portici si vede la mano di Panico, la squadra ricca di giocatori che sono passati per il settore giovanile azzurro (i ‘2003 Vitiello e De Martino in prestito, Schaeper, Savarise, Illuminato e Gennaro Donnarumma), propone sempre calcio costruendo dal basso in maniera fluida e con tante idee. Il Portici ha sprecato con Maione che non ha capitalizzato un errore di D’Onofrio nel palleggio nei pressi della propria area di rigore, in un paio d’occasioni Pinto ha evitato il gol degli avversari, spicca soprattutto una parata sul colpo di testa di Avella. I gol della formazione locale arrivano nei minuti finali del primo tempo, vanno a segno Maione e poi Imbimbo.

Nella ripresa inizia la girandola dei cambi, il Napoli alza il livello con l’inserimento di D’Agostino e Cioffi su tutti, Altomare riapre la partita. Gli azzurrini prendono fiducia ma Onda con un gran tiro dalla distanza spegne l’entusiasmo di Cioffi e compagni realizzando la rete del 3-1. Il Napoli non molla e Cioffi con una bella conclusione dal limite riporta di nuovo gli azzurrini sotto di un gol, nel finale la squadra di Cascione prova ad acciuffare il pareggio ma senza mai impensierire Schaeper. Ecco le formazioni di partenza delle due squadre:

Portici 1906 (3-5-2): Schaeper; Arpino, Avella, Donnarumma; Vitiello, Nappo, Illuminato, Imbimbo, Arezzo; Onda, Maione.
A disposizione: Savarise, Mazza, Sorrentino, Marigliano, Grieco, De Martino, Cassitto, Maiorano. All. Panico

Napoli Primavera (3-4-3): Pinto; D’Onofrio, Guarino, Costanzo; Potenza, Iaccarino, Marrazzo, Acampa; Vergara, Ambrosino, Umile.
A disposizione: Provitolo, Nathanel, Barba, Virgilio, Sepe, D’Agostino, Ceparano, Sami, Romano, Altomare, Cioffi. All. Cascione

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.