Alessandro Plizzari: un nuovo portiere para rigori per l’Italia del futuro

Alessandro Plizzari: un nuovo portiere para rigori per l’Italia del futuro

Le competizioni interazionali giovanili mettono in luce quelli che saranno i campioni del domani. Attualmente sono in corso in Polonia i Mondiali di calcio under 20 che vede protagonista anche l’Italia ed in cui si sta mettendo in bella mostra il giovane portiere Alessandro Plizzari.

Scopriamo chi è questo giovane portiere.

Data di nascita: 12/mar/2000
Luogo di nascita: Crema
Età: 19
Altezza: 1,87 m
Nazionalità:   Italia
Posizione: Porta
Piede: destro
Procuratore: TMP SOCCER srl
Squadra attuale:  AC Milan
In rosa da: 01/set/2016
Scadenza: 30.06.2023
Ultimo prolungamento: 30/apr/2019

Gli inizi

Alessandro è nato il 12 marzo 2000 a Crema e sin da piccolo aveva le idee ben chiare circa la squadra per la quale tifare e soprattutto giocare.

All’età di sei anni, infatti, il padre riuscì ad organizzare un provino con l’Inter ma il bambino rifiutò attendendo quello del club per cui faceva il tifo: il Milan.

Così fu e iniziò il suo cammino calcistico indossando la maglia dei “diavoli” fin dalla categoria c.d. “primi calci o piccoli amici” (riservata ai bambini che vanno dai sei agli otto anni d’età) passando per le varie categorie di pulcini, esordienti, giovanissimi, allievi.

Mostrando buone qualità, che come vedremo gli valsero anche le convocazioni nelle rispettive selezioni nazionali di categoria, per dargli la possibilità di acquisire esperienza giocando da titolare nell’estate del 2017 viene trasferito in prestito alla Ternana che in quella stagione militava in Serie B.

Il suo esordio tra i professionisti avvenne il 26/08/2017 nel match contro l’Empoli finito 1-1. In quella stagione, complice anche una frattura al dito che lo tenne fuori per un mese, collezionò 20 presenze compresa una in Coppa Italia.

La stagione appena conclusa – 2018/2019 – lo vede “impegnato” come terzo portiere in prima squadra, alle spalle di Gigio Donnarumma e Reina grazie ai quali, a suo dire, sta imparando molto in virtù degli allenamenti che effettuano insieme.

La Nazionale

Che Alessandro sia uno dei portieri più promettenti lo si evince anche (in realtà soprattutto) dal percorso che sta facendo con la Nazionale.

Il suo al momento è un percorso ben preciso che lo ha visto prendere parte a tutte le selezioni nazionali, dall’under 15 sino all’under 20.

In particolare è da sottolineare come ancora diciassettenne viene convocato dalla Nazionale under 20 per i mondiali in Corea del Sud del 2017 mettendosi in luce soprattutto nella finale per il terzo posto contro l’Uruguay quando, nella lotteria dei calci di rigore ne parò due, contribuendo così alla conquista del terzo posto della manifestazione.

La propensione a parare i rigori si è palesata anche nei Mondiali under 20 che si stanno giocando in questo periodo in cui scriviamo: nella partita contro l’Ecuador, la seconda relativa ai gironi, sul punteggio di 1-0, Alessandro para il rigore all’ecuadoregno Leonardo Campana consentendo alla squadra di mantenere il vantaggio acquisito.

I mondiali in Polonia sono ancora in corso e siamo sicuri che continuerà a mostrare le sue qualità.

Per completezza della trattazione va ricordata anche la convocazione del 19 maggio 2019 con la nazionale under 21 per le amichevoli contro Portogallo e Francia nelle quali non viene impiegato.

Caratteristiche

Alessandro è un portiere ben strutturato fisicamente: alto 187 centimetri per circa 75 kg. Le sue principali doti sono una grande potenza nelle gambe unita a eccellenti riflessi che gli permettono di essere esplosivo e reattivo negli interventi .

Un buono stile e un buon senso della posizione ne completano il quadro, rendendolo un portiere su cui poter lavorare per diventare un estremo difensore di squadre al vertice.

Al momento il suo non è un percorso da prodigio come quello del compagno di squadra Gigio, ma il talento non manca; forse sarebbe più opportuno un trasferimento in prestito se non anche un trasferimento definitivo presso una società che gli dia la possibilità di crescere dal momento che al Milan la strada appare chiusa dal portiere della nazionale maggiore.

Mercato

La valutazione del ragazzo al momento non lievita, anche se dopo le recenti prestazioni ai Mondiali under 20 sicuramente sarà in ascesa. Proprio per questo quello di Alessandro è il profilo giusto per quei club che guardano al futuro, costretti anche dai limiti di budget.

A gennaio è stato vicino a diversi club italiani, in particolare al Genoa in quanto poteva rientrare come contropartita tecnica nell’affare Piantek. Ma la dirigenza rossonera decise di escluderlo dalla trattativa.

Notizia di qualche settimana fa è il rinnovo con il club rossonero sino al 2023, segno che il club non vuole di certo disfarsene ma cercare di valorizzarlo o comunque cederlo al giusto valore.

Considerando le dimissioni di Mister Gattuso nonché quelle del DS Leonardo, è presto per capire quale sarà il Milan del futuro e quindi anche la posizione del ragazzo al suo interno.

Il calcio è un gioco

Per gli amanti della simulazione calcistica, riportiamo la carta dedicatagli da FIFA19.

immagine tratta dal sito futbin

Considerando la tipologia di calciatore non è una carta da utilizzare nella modalità Ultima team, salvo per qualche SBC, quanto nella modalità carriera cercando di utilizzarlo il più possibile per dargli modo di accumulare punteggio.

Per gli amanti della simulazione manageriale, riportiamo la carta tratta dal database di football manager 2019.

Sicuramente è un giocatore da acquistare ad inizio carriera e farlo crescere con allenamenti e partite ufficiali; notevoli sono i miglioramenti dei vari parametri che ha nel corso degli anni.

Social Media

Profilo Ufficiale Instagram: clicca qui

Pagina Facebook: clicca qui

Maglia ufficiale Napoli 2020
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google