Liga: l’Atletico Madrid si rilancia a Vigo, decisivo l’ingresso in campo di una “meteora” azzurra

Liga: l’Atletico Madrid si rilancia a Vigo, decisivo l’ingresso in campo di una “meteora” azzurra

Due squilli di David Villa regalano all’Atletico un successo generoso sul campo di un Celta superiore per un’ora abbondante. Nella 27ª giornata della Liga, i Colchoneros giocano una partita opaca subendo l’intensità dei padroni di casa, ma interrompono il trend negativo in trasferta (due k.o. consecutivi) grazie a due lampi dell’attaccante asturiano, bravo ad approfittare delle uniche amnesie difensive del Celta. Grazie al successo al Balaidos, l’Atletico scavalca il Barça (sconfitto 1-0 dal Valladolid) di un punto e aggancia momentaneamente il Real Madrid in vetta.

COLCHONEROS, PARTENZA LENTA — Pessimo avvio per gli uomini di Simeone, che faticano a mettere il naso fuori dalla propria metà campo. Pesano evidentemente le assenze di due pezzi da novanta come Diego Costa e Arda Turan, fuori per squalifica insieme a Godin. Nel 4-2-3-1 schierato dal “Cholo” fa acqua la coppia Gabi-Mario Suarez, sovrastati dal dinamismo e dalla intraprendenza della mediana galiziana, mentre in avanti il solo Villa corre a vuoto in cerca di palloni che il terzetto alle sue spalle non riesce mai a far pervenire. Male soprattutto l’ex juventino Diego, lento e impreciso in fase di costruzione. Salvo un tentativo di Raul Garcia da distanza siderale, che per poco non sorprende Yoel, e un diagonale ravvicinato di Koke al termine di un veloce contropiede, i Colchoneros pensano esclusivamente a contenere le rapide incursioni di Nolito e Charles, che costringono Courtois a due uscite disperate in apertura e in chiusura di primo tempo.
DOPPIO LAMPO DEL “GUAJE” — I Colchoneros riescono ad alleggerire la pressione avanzando il baricentro di una decina di metri, ma il pallino del gioco resta prerogativa dei padroni di casa, in cui spiccano Krohn-Dehli e Alex Lopez in cabina di regia. Simeone prova a mescolare le carte buttando nella mischia l’ex napoletano Sosa per uno spento Koke, ma la svolta arriva al 62’ grazie a un erroraccio di Johnny, che con uno sciagurato retropassaggio regala a Villa il pallone del vantaggio colchonero. Micidiale l’uno-due del “Guaje”, nuovamente in gol due minuti con un piattone di destro su cross arretrato di Sosa. Il doppio svantaggio non demoralizza i padroni di casa, che si riversano nella metà campo avversaria negli ultimi venti minuti. Ma la diga rojiblanca regge senza troppi affanni e l’Atletico porta a casa una vittoria che mantiene viva la lotta al vertice della Liga. Se l’Atletico sarà questo, però, anche un Milan evidentemente in affanno può sperare nell’impresa in vista del ritorno di Champions in programma martedì al Vicente Calderon.
Fonte: gazzetta.it


Laureato in Scienze della Comunicazione presso l' Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli con tesi "Il volto cinematografico delle mafie". I suoi primi articoli risalgono al 2010, per il portale Soccermagazine.it. La sua collaborazione con la testata giornalistica Iamnaples.it ha inizio nel febbraio 2011. Inviato a seguito del settore giovanile partenopeo, ha come obiettivo quello di formarsi nell’intricato mondo del giornalismo.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google