Napoli Basket 2013, riparte l’avventura: “La pallacanestro per il riscatto di Napoli!”

Napoli riabbraccia la pallacanestro. Oggi a Palazzo San Giacomo è partita la nuova avventura del Napoli Basket 2013. Maurizio Balbi e Dario Boldoni, artefici principali di questa operazione, hanno incontrato stampa e tifosi. Gianluca Vigliotti, addetto stampa del club, ha preso la parola presentando i protagonisti al tavolo. Oltre a Balbi, Boldoni, Mirenghi e il consulente generale Matteo Gregis, c’erano anche Manfredo Fucile, presidente Fip Campani, e Gianni Del Franco, consigliere nazionale Fip, accompagnati dal grande Amedeo Salerno. Ovviamente non poteva mancare la padrona di casa, ovvero Pina Tommasielli, assessore allo sport di Napoli. Durante la conferenza, ‘irruzione’ del Sindaco Luigi De Magistris che ha voluto dare di persona il suo saluto e la benedizione a questa nuova realtà. “Mi è sembrato doveroso presenziare ad un evento così importante per Napoli. Lo sport nella nostra città non è solo il calcio. Iniziative e progetti sportivi come questo non possono che far bene alla nostra città. Lo sport è vita e da parte mia ci sarà sempre tutta la mia vicinanza al Napoli Basket. La nostra città deve poter tornare a contare sugli impianti sportivi, come il PalArgento, perché i nostri giovani lo chiedono”.

E’ stato Maurizio Balbi il primo a rilasciare dichiarazioni: “Voglio ringraziare tutti quelli che hanno collaborato a questo progetto – ha esordito. Faccio un piccolo inciso: abbiamo acquistato il titolo di Bologna, che a sua volta acquistò il titolo da Ferrara due anni fa. La Fossa, storica tifoseria cestistica felsinea,tuttavia, non si sono mai identificati nella Biancoblu. Per due anni sono stati ostinatamente contro questo progetto. Eppure, il progetto Romagnoli aveva la le forze per andare avanti. Questo per far capire che alla base deve esserci una città che assecondi la nostra iniziativa. Romagnoli è stato di una gentilezza unica. L’aspetto economico non importa perché nasce da tutta una serie di problematiche. L’investimento è concreto, non è che ci abbiano regalato il titolo. Ciò che è importante che si sappia è che Napoli non ha avuto regali da nessuno. Tutto quello che abbiamo ottenuto e che otterremo  sarà solo frutto delle nostre forze. Tengo a precisare che la società vestirà l’azzurro, e si chiamerà Napoli Basket 2013, non avrà nulla a che vedere con la vecchia Biancoblu Bologna. Oggi è un giorno di festa perché noi siamo partiti dalla base, cioè i giovani. Nessuno si deve sentire escluso da questo progetto. Se c’è programmazione si arriva lontano. Faremo una squadra che giocherà per vincere”.

Poi tocca a Dario Boldoni: “In tanti anni di calcio non ho mai visto tanta gente ad una conferenza stampa. La cosa importante è che oggi ci sia qui con noi l’Assessore. Mi sembra corretto ringraziare l’Amministrazione con la quale è nata una buona collaborazione. Ritengo di avere un grande intuito, sono sicuro che oggi è un momento di svolta per lo sport napoletano. Lo sport può rappresentare uno dei motori di rinascita di Napoli da un punto di vista sociale, ma anche imprenditoriale. Si apre una stagione importante per noi. La pallacanestro si candida come momento di aggregazione dello sport a Napoli. Una delle nostre ambizioni è quella di essere la cellula di un grande polisportiva. Io e Maurizio Balbi saremo la B&B dei poveri visto che nel Napoli ci sono Benitez e Bigon (scherza, ndr). Ho trovato vicinissima la stampa che ringrazio per quello che ha fatto. Il nostro obiettivo è quello di volare alto. Voglio che tra un anno i maggiori quotidiani sportivi possano parlare di miracolo sportivo. Mi commuove la presenza di tanti giovani qui quest’oggi. Maurizio è una persona stupenda, io sono la persona giusta per dare continuità e credibilità al progetto Napoli Basket. Mario Argento legato al San Paolo? Credo proprio di sì. Il San Paolo ha bisogno che tutto il quartiere Fuorigrotta sia riqualificato per aumentare di prestigio. Quella del palazzetto è comunque un’operazione di rara complessità. Tenteremo di collaborare con una propostaed un gruppo imprenditoriale pronto ad investire”.

Non poteva mancare il commento di Amedeo Salerno: “Oggi non potevo non essere presente qui. Quest’incontro mi ha portato indietro nel tempo. Spero che si possa ritornare ai fasti di allora. Voglio ringraziare Balbi, Boldoni e gli amici che ci sono vicini e che hanno fatto sì che potesse nascere questa realtà. Anche la stampa si è data una mossa in questo senso. Non posso che augurare buona fortuna a questa nuova creatura”.

Spazio anche a Gianni Del Franco, consigliere nazionale Fip: “Spero che questa società possa avere l’aiuto di tutti. Napoli ha fame di pallacanestro.  Lo si percepisce. Non so se riusciremo a raggiungere l’accordo per la denominazione, in quanto Napoli Basket 2013 già esiste, ed è la società fondata da Balbi. Dobbiamo trovare un nome simile, ma non sarà un problema. Da parte mia ci sarà tutta la disponibilità possibile”.

Vigliotti cede la parola al presidente Fip Campani, Manfredo Fucile: “Mi associo a ciò che hanno detto Balbi e Boldoni. Si sente la fame di pallacanestro in questa sala. Noi tutti non vedevamo l’ora di presenziare a questa conferenza. Qualche mese fa arrivarono in federazione Antonio Mirenghi ed Antonio Ambrosino per capire come fare per fondare una società. Sono partiti da zero. Sono stati di una correttezza incredibile ed hanno trovato gli accordi con noi. Questa volta le cose sono davvero diverse. Ci sono gli ingredienti giusti: voglia di vincere e passione. L’importante, ora, sarà coinvolgere tante persone, e magari ritrovare quelle 12.000 anime che riempivano il Palargento”.

Ecco, invece, il commento di Matteo Gregis, consulente generale della società: “Sono assolutamente sorpreso e positivamente impressionato da questa folta presenza. Ho avuto la conferma che non ho sbagliato a farmi coinvolgere in questa nuova realtà. Chiuso un capitolo triste (in riferimento alla questione Tnas dello scorso dicembre, ndr), se ne apre un altro. Io sono qui per dare una mano.”.

La parola passa poi ad Antonio Mirenghi, general manager del Napoli Basket: “Mi tocca ringraziare il Sindaco e l’Assessore che si sono impegnati tantissimo già da Novembre. Abbiamo navigato sott’acqua tutt’insieme nella stessa direzione. Adesso siamo al secondo step: far affezionare la città a questa società. Dobbiamo convincerla affinchè si possa legare inscindibilmente. La squadra? Fino a ieri non c’era una società, da oggi sono autorizzato a contattare gli agenti per richiedere informazioni. A Portsmouth c’erano tanti talenti interessanti, ma troppo giovani. Il campionato di Legadue Gold prevede solo due visti, e noi dovremmo puntare su due americani che ci possano dare qual cosina in più anche in termini di esperienza. Rocca? E’ una suggestione, diciamo che ci sono molti appassionati che vogliono rivederlo da queste parti. Vedremo… La nostra intenzione è quella che la squadra debba avere una spina dorsale napoletana…”.

Chiude la girandola di interventi l’assessore allo sport di Napoli, Pina Tommasielli: “Mi auguro che questo sia il giorno giusto per voltare pagina nel basket. Nonostante qualche pugnalata esterna,  oggi possiamo dire che davanti abbiamo una bella realtà costruita secondo le indicazioni da noi date, cioè considerare lo sport agonistico come elemento di traino per la società napoletana. Lo sport rimane il primo antidoto al disagio. Il Napoli Basket vanta già 500 ragazzi all’interno del suo consorzio. E’ stato un anno tristissimo per il Palabarbuto perché rimasto vuoto. Io in prima persona, con tutta l’amministrazione ci battiamo sempre, con le mani pulite. Palabarbuto? E’ un impianto che ha qualche problemino da risolvere, ma sarà la casa del Napoli Basket. Per quanto ci è possibile cercheremo di adeguarlo, se non ci saranno i fondi necessari da parte del Comune, la società ha già dato la sua disponibilità. Mario Argento? Abbiamo avuto un’unica proposta. Il progetto che mi è stato presentato sarà sottoposto alla visione dell’assessore all’urbanistica e vedremo se si può procedere…”.

Da Palazzo San Giacomo per IamNaples.it Stefano D’Angelo


Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.