Serie A, un calcio alla paura: comincia la risalita del Napoli

La vittoria contro la Juventus in campionato ha messo nuova benzina nelle gambe dei giocatori del Napoli che adesso dovranno dimostrare di aver finalmente compiuto quel balzo in avanti che dovrà permettere a capitan Lorenzo Insigne e compagni di recitare la parte del protagonista in Serie A. I novanta minuti di gioco contro i campioni d’Italia sono serviti, se non altro, a superare un momento di stallo mentale che da tanto tempo stava fiaccando i ragazzi di mister Rino Gattuso. Ma la stagione è ancora lunga e gli azzurri dovranno essere bravi a gestire tutte le energie, sia fisiche che mentali, per ambire a traguardi più prestigiosi.

 

Una classifica di Serie A tutta da riscrivere

 

Potenzialmente, con la gara del girone di andata contro la Juventus ancora da recuperare, i partenopei sarebbero a 43 punti, a pari merito con la Roma terza, motivo per il quale dando uno sguardo alle quote delle scommesse Serie A il Napoli rientra di diritto tra le favorite per la conquista di un posto nella prossima Champions League.

 

Le voci circa un possibile avvicendamento in panchina, con il garbato rifiuto dell’ex tecnico dei partenopei Maurizio Sarri (che di recente ha detto no anche alla panchina del Marsiglia in Francia) alla presunta offerta di ritorno a casa da parte del patron azzurro Aurelio De Laurentiis, sembrano ormai essere solo un lontano ricordo. Ma il pericolo resta dietro l’angolo e né l’allenatore calabrese, né nessuno dei tesserati del club partenopeo possono dirsi al sicuro.

 

Napoli, i numeri della stagione in Serie A

 

Va detto, ad onore del merito, che la gestione Gattuso in questa stagione, in termini di cifre e rendimento sul campo, è una delle migliori degli ultimi anni. Il Napoli è la squadra della Serie A che più volte ha tirato in porta rispetto alle avversarie (131 tiri nello specchio della porta avversaria contro i 123 dell’Inter, 122 dell’Atalanta e 115 della Juventus) e, complessivamente, è anche la formazione tra quelle del massimo campionato ad aver creato più azioni offensive (in media 28 a partita contro le 26 dell’Atalanta e le 25 della Juventus).

 

Numeri, dati, statistiche che non possono mentire sull’ottimo lavoro che l’ex mastino di centrocampo del Milan sta facendo dalle parti del Vesuvio ma che, tuttavia, non hanno raccolto nella realtà dei fatti quanto dovuto. Forse è mancata quella spinta da parte della Dea bendata che già in passato, in più riprese, aveva dato le spalle agli azzurri?

 

Obiettivo Champions League alla portata

 

Resta il fatto che con quasi un intero girone di ritorno ancora da disputare, il Napoli non può più permettersi di sperimentare e di commettere quelle ingenuità che hanno pesantemente condizionato la prima parte di stagione degli azzurri in Serie A. L’obiettivo di rientrare tra le prime quattro della classifica è un traguardo ampiamente alla portata degli uomini di Gattuso. Di più, questo Napoli (o almeno il miglior Napoli visto sinora in campionato) ha tutte le carte in regola per inserirsi anche nella lotta scudetto, in un torneo – è bene sottolinearlo – che rispetto alle ultime edizioni appare più equilibrato che mai.

 

C’è tanto lavoro ancora da fare, a partire dall’assetto difensivo che troppe volte si è mostrato lacunoso, specie nelle coperture e nei rientri. Lo staff tecnico agli ordini di Gattuso dovrà cercare di impartire le migliori direttive ai componenti della rosa ed evitare, così, che partite come quella contro il Genoa o il Verona (solo per citarne due) non si ripetano più.

 

D’altra parte, il segreto per vincere e per ritornare grandi sta proprio nel fatto di fare tesoro ed esperienza degli errori commessi in passato. Gattuso lo sa e non a caso il Ringhio nazionale è uno degli allenatori, oggi in attività in Serie A, ad avere una delle medie punti nel girone di ritorno più alte. Un buon segnale per Napoli e i tifosi napoletani che sperano di riascoltare al più presto all’interno dello stadio Diego Armando Maradona le note dell’inno della Champions League.

 

 

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.