Napoli-Frosinone 4-0, l’analisi tattica: un alieno vestito d’azzurro, Higuain nella storia

L'argentino emoziona il San Paolo, Napoli strepitoso

Nella gara più importante dell’anno, il Napoli di Sarri ospita il Frosinone allo Stadio San Paolo. Le scelte del mister partenopeo seguono l’onda percorsa durante tutto l’arco della stagione, con il solo cambio “obbligato” di Chiriches al posto dello squalificato Raul Albiol nel consueto 4-3-3. Stellone sceglie il solito 4-4-2 con Ciofani e Dionisi in avanti.

TUTTO SUL PIPITA – Napoli che parte forte, con Higuain a fare tanto movimento in avanti e i centrocampisti che insistono con le verticalizzazioni verso il Pipita. In fase di non possesso, la squadra di Sarri effettua un pressing che toglie il fiato agli uomini di Stellone. Il mister ciociaro imposta il match sulla fase difensiva per poi provare le ripartenze con Ciofani e Dionisi che in velocità tentanto di impensierire la retroguardia partenopea. Napoli che sfrutta poco nei primissimi minuti la spinta dei terzini preferendo la soluzione centrale grazie alle accelerazioni di Insigne soprattutto Hamsik in supporto di Higuain. Dopo l’espulsione di Gori, Stellone sistema i suoi con un 4-3-2 con Dionisi e Ciofani più bassi, in supporto della mediana rimasta in inferiorità numerica. Gli azzurri tentano in ogni modo di scardinare la difesa ciociara appoggiandosi quando possibile all’attaccante argentino. Frosinone con Dionisi che, in fase di non possesso, si colloca sull’esterno mancino in un più coperto 4-4-1.

 

AZZURRI A TUTTO CAMPO – La squadra di Sarri firma un monologo, con il Frosinone spettatore non pagante. Il Napoli schiaccia nella propria metà campo i giallazzurri di Stellone che non possono fare altro che difendersi visto anche l’uomo in meno. Gli azzurri provano con una manovra avvolgente e improvvise verticalizzazioni a bucare la retroguardia ospite che concentra la maggior parte dei propri sforzi sul capocannoniere della Serie A. Il Napoli allarga il gioco sugli esterni, coinvolgendo a dovere Ghoulam e Hysaj. La manovra totale della squadra di Sarri non trova sbocchi, Frosinone ben messo in campo e ancora più compatto dopo l’espulsione di Gori.

 

HAMSIK EGUAGLIA MARADONA- Azzurri che, dopo un dominio durato 44′, trovano il meritato vantaggio grazie a capitan Hamsik. La fascia mancina si rivela essere ancora la più prolifica per la squadra azzurra ed è  Ghoulam a servire l’assist che vale la rete numero 81 con la maglia azzurra eguagliando Diego Maradona.

 

HIGUAIN RISCRIVE LA STORIA – La ripresa è segnata dalla stessa musica della prima frazione di gioco, è la squadra di Sarri a dominare in lungo e in largo affondando sugli esterni. Una meravigliosa serpentina di Allan regala ad inizio ripresa la 34esima rete in campionato al Pipita Higuain. Ancora il Pipita ben servito da Hysaj eguaglia il record di Nordahl, siglando 35 reti in campionato. Sarri richiama dopo un’ora di gioco Callejòn per far spazio a Mertens, che si colloca a sinistra con Insigne spostato sulla destra. Stellone risponde richiamando Dionisi e Kragl e inserendo Gucher e Carlini per coprirsi dagli attacchi azzurri sugli esterni. Ma Higuain fa un altro sport e dal nulla sigla la personale tripletta, con una meravigliosa mezza rovesciata che lascia di stucco l’intero San Paolo, superando Nordahl come migliore marcatore della Serie A.

 

ESORDIO PER REGINI – Dopo l’emozione di un fantascientifico record strappato via dalle mani di Nordahl, Sarri trova il tempo di far esordire Vasco Regini entrato a metà secondo tempo al posto di Koulibaly. Il mister richiama Hamsik concedendo spazio anche allo spagnolo David Lopez con il Frosinone che aspetta solo il fischio finale mentre il Napoli continua a spingere alla ricerca della quinta rete.

 

SECONDO POSTO AZZURRO – La squadra di Sarri, dopo una prova magistrale, chiude la stagione 2015/16 al secondo posto che vale l’accesso diretto ai gironi di Champions League. Napoli in pieno controllo del match con il Frosinone mai pericoloso dalle parti di Reina. La gara perfetta, nella notte di Gonzalo Higuain.

 

A cura di Simone Ciccarelli

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.