Careca: “La Supercoppa è adrenalina, c’è tempo per puntare al secondo posto”

L'ex bomber azzurro esalta la vittoria degli azzurri contro la Juventus: "L'entusiasmo dello spogliatoio è a mille"

Antonio Careca, indimenticato bomber verdeoro del Napoli più vincente della storia, ha rilasciato un'intervista ai colleghi de Il Mattino. Ecco quanto selezionato dalla nostra redazione: "Emozionante la Supercoppa di Doha? Quando si va ai rigori c'è sempre tensione. A me gli azzurri sono piaciuti, hanno giocato meglio dei rivali bianconeri anche nell'arco del tempo regolamentare. Il Napoli ha dimostrato grande forza d'animo. Questa vittoria può rilanciare le ambizioni della squadra? Vincere una coppa importante contro un avversario più forte di te ti infonde una carica particolare. Lo spogliatoio azzurro sarà ancora in fibrillazione...L'uscita dalla Champions è stata una brutta mazzata? Il Napoli è più forte del Bilbao ma l'avversario è stato esaltato più del dovuto prima della doppia sfida. Quando noi affrontammo il Real Madrid nel primo turno di Coppa Campioni riuscimmo a tramutare la delusione in grinta e motivazione. Fummo eliminati si, ma a testa alta contro una delle più grandi formazioni della storia. L'ex allenatore azzurro Bianchi martellava molto lo spogliatoio prima di incontri sulla carta abbordabili? Si, infatti tutti lo chiamavano martello…Ci teneva sempre sotto tensione perchè conosceva l'ambiente e i facili cambi d'umore. Una volta battemmo la Juve in casa sua e come premio chiedemmo una giornata di riposo in più: lui non la concesse. Bisogna calvalcare l'euforia della vittoria in Supercoppa? Si, c'è tutto il tempo per recuperare il terreno perso nei primi mesi di campionato. Se si mantiene la giusta concentrazione e le motivazioni restano elevate, non è impensabile poter agganciare il secondo posto difeso ora dalla Roma. I giallorossi non sono più forti degli azzurri. Scatenai un putiferio quando decisi di svincolarmi per due miliardi pur di approdare al NapolI? Oggi girano tanti soldi. Troppi. Ai miei tempi contava la maglia: avevo deciso di giocare con Maradona e nessuno mi fece cambiare idea".

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.