Ciro Esposito, la madre: “Condannate chi ha ucciso mio figlio. Ciro continua a vivere nelle persone che lo amano”

Ciro Esposito, la madre: “Condannate chi ha ucciso mio figlio. Ciro continua a vivere nelle persone che lo amano”

Nel corso della trasmissione “Attacco a Napoli” in onda su piuenne, è intervenuta Antonella Leardi, mamma di Ciro Esposito

“C’è un grande vuoto a casa, immenso, indescrivibile. Stiamo cercando di vivere nella normalità, ma è difficile. Stasera aspettavo che mio cognato mi venisse a prendere per venire in tv, mi sono affacciata alla finestra e desideravo di essere nel policlinico Gemelli. Io lì ero felice nonostante i tanti interventi perché c’era il suo sorriso, la speranza. Lui sorrideva sempre, avevo imparato a fare i monologhi: facevo domande e rispondevo da sola poi lo guardavo e lui muoveva il capo. C’era un pezzo del mio cuore al Gemelli e ora non c’è più. Non c’è stato un momento in cui ho capito che Ciro mi stava salutando per l’ultima volta, è stato bravo fino alla fine. Prima speravo che potesse guarire, ma ora c’è solo un dolore atroce. Il dolore di una vita spezzata così giovane, di un ragazzo che stava cominciando a progettare il suo futuro. Ogni genitore desidera che un figlio si realizzi e adesso questa speranza non c’è più. Se sono qui stasera c’è un perché. Non lo faccio per soldi, sono qui gratuitamente, lo faccio per difendere la memoria di mio figlio e la dignità di Scampia e dei napoletani. Mi espongo per mandare ancora una volta messaggi di pace: vorrei che ciò che è successo a Ciro non accadesse mai più. La vendetta porterebbe solo altri morti. Però, mi aspetto giustizia. Forse sarò ingenua, ma mi auguro si faccia giustizia. Giustizia non significa condannare solo chi ha sparato, ma anche chi ha sbagliato nell’ordine pubblico. Se la polizia ci fosse stata, se mio figlio non fosse rimasto 40 minuti a terra, forse le cose sarebbero andate diversamente. La giustificazione datami è stata “per colpa del traffico”, ma prima non si aspettava che un ragazzo stesse a terra 40 minuti, si caricava il ferito sulle spalle. Non ho mai sognato Ciro finora, ma lo porto nel mio cuore tutti i giorni. Ciro vive in me, nelle persone che lo hanno amato, vive. In questo momento me lo immagino con un sorriso incredibile. Non ho mai ricevuto nessuna telefonata dalla polizia, ancora oggi non sono stata avvisata del ferimento di mio figlio. Poi, a Roma abbiamo sopportato anche quelle voci che infangavano il nome di mio figlio. Ciro veniva chiamato rapinatore, mafioso, delinquente. Io invece sin da bambino lo chiamavo Ciro ‘lo sparviero’ perché ha sempre combattuto per i deboli e lo ha fatto anche quella sera del 3 maggio. Ha ascoltato il suo cuore. Al grido dei bambini e delle donne, non ci ha pensato due volte, è stato il primo a correrle per aiutarli. Ciro ha visto chi aggrediva il pullman, ha visto chi lo ha sparato, ma mio figlio certamente non era armato. Aveva solo le mani e dall’altra parte ha trovato una pistola. So per certo che vista l’arma, Ciro è scappato. Mio figlio mi ha spesso ripetuto “E’ stato un agguato” ma è chiaro che chi cammina con una pistola ha premeditato tutto. In questa vicenda il calcio non c’entra nulla. Al funerale di mio figlio c’erano quasi tutte le tifoserie d’Italia. Chiederei a chi ha sparato di dire la verità. Credo che la mia sia una richiesta assurda perché la persona in questione non dirà mai la verità e allora punto sulla giustizia. E se c’è qualcosa sotto, che venga a galla. Posso dire che so chi ha sparato mio figlio, nonostante questa persona neghi perché sono stata io a mostrare la foto a Ciro che lo ha riconosciuto. All’inizio Ciro non ricordava nulla, ma pian piano comprendeva sempre più. Nei momenti di lucidità, gli ho mostrato la foto e Ciro mi ha detto : “E’ stato chillu chiatton che mi ha sparato”. Non capisco perché c’è un alone di omertà in questa storia: chi c’era deve parlare. La mia serenità è un atto di fede. Provo dolore, perplessità, angoscia, ma ho messo sin dall’inizio questa causa nelle mani del signore, il più potente di tutti e sono certa che farà qualcosa di buono. Simona, la fidanzata di Ciro, sta soffrendo davvero tanto. Ciro stava conservando dei soldi per un futuro con lei e una volta aperto questo carosello, le abbiamo consegnato questi risparmi. Lei ci ha fatto commuovere, piangeva, sta soffrendo davvero tanto . Un figlio è qualcosa di grande, di immenso ed è per sempre. Ho il desiderio di parlare con i magistrati, quasi non vedo l’ora. Dolore e delusione sono i sentimenti più forti dentro me. Non abbiamo donato gli organi di Ciro, mi sarebbe piaciuto farlo, ma non ci abbiamo pensato e gran parte di questi erano ormai compromessi. In questo momento la speranza è più forte della paura. Spero che Ciro possa legare lo sport, i giovani le famiglie. Solo in questo modo la morte di Ciro non sarà vana. Ringrazio De Laurentiis per tutto ciò che ha fatto per noi e per aver onorato mio figlio anche ai funerali. Quel gesto l’ho sentito molto. A mio figlio dico che è stato un eroe e che il suo sorriso non morirà mai, vivrà sempre nei cuori di tutti”.

Fonte: Piuenne


Iscritto alla Facoltà di Scienze della Comunicazione, presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, collabora con Iamnaples.it dal 2011. In particolare cura la rubrica settimanale “I Temi dela Serie A” e il format inedito di Iamnaples .it “Scugnizzeria in the World”. Durante le sessioni di calciomercato inoltre si occupa di fare un panoramica sul mercato della Serie A e Serie B con la rubrica “I Temi del Mercato”.

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google