Amauri. In Emilia è in cerca di rivincite dopo un periodo poco positivo

Il brasialiano è stata la stella del Palermo, poi un lento declino, in attesa di rivincite

Per Edi Palermo è stato il trampolino, per Amauri il punto più alto del suo rendimento. Là è nato il filo che unisce i due bomber sudamericani. Carvalho de Oliveira Amauri a Palermo era un re: giunto su esplicita richiesta di Guidolin nell’anno in cui Zamparini osò sfidare le grandi per un posto in Champions.
Era il 2006/07, la Juve era in B, il Milan penalizzato: i rosa provarono a fare il salto di qualità costruendo una squadra capace di lottare per le prime piazze. Progetto realizzato per i primi tre mesi, nei quali il Palermo contese all’Inter il primo posto in classifica, trascinato da un Amauri semplicemente strepitoso. Poi l’antivigilia di Natale a Siena, il patatrac. Il brasiliano si scontra con Manninger e si infortunia ad un ginocchio. La diagnosi è impietosa, rottura del legamento crociato, stagione finita. Il Palermo non troverà soluzioni alternative e calerà vistosamente, fino a chiudere al 5° posto. Guidolin non ha mai avuto dubbi:
«Quell’anno, se non si fosse fatto male Amauri, saremmo andati in Champions». Il tempo di guarire e il numero 11 torna quello di prima. Nella seconda stagione siciliana (2007/08), segna 15 gol, alcuni dei quali (la doppietta che mette ko la Juve ad esempio) autentiche prodezze. Il suo futuro è segnato, andrà via perchè è il suo momento, le grandi lo chiamano e Zamparini non può più trattenerlo. Ma nel frattempo in quel Palermo cresce piano piano un ragazzino con la faccia da indio che impara dai mostri sacri che trova davanti a sè in attacco: oltre ad Amauri, anche Miccoli. Si chiama Edinson Cavani ed ha già fatto vedere cosa sa fare. Per trovare posto, Edi si adegua a mutare abitudini e va a giocare anche sulla fascia, sfruttando la sua facilità di corsa. E’ acerbo ma fortissimo. Amauri, qualche giorno prima del suo addio ufficiale, lo chiama in un angolo dello spogliatoio e lo proclama suo erede. «Sarai tu il nuovo Amauri di Palermo» gli dice convinto. L’investitura è ufficiale, il testimone del gol è consegnato. Cavani ci metterà un po’ ma, in coppia con Miccoli, regalerà un altro campionato di vertice al Palermo prima di esplodere a Napoli. Amauri invece non troverà più l’incanto di quei giorni in cui aveva stregato il Barbera. A Torino partirà benino (nella prima stagione 12 gol in campionato e 2 in Champions, uno dei quali al Real Madrid), poi si perderà nelle nebbie di una squadra al di sotto delle aspettative. Fino a dover quasi “fuggire” per rilanciarsi a Parma, dove è tornato adesso, dopo un altro tentativo poco felice a Firenze.L’Amauri più bello è ancora quello visto a Palermo, quando era una furia della natura tanto da portare i Ct azzurri (prima Lippi, poi Prandelli) a volerlo in nazionale. Altra avventura che però si è esaurita senza troppi sorrisi.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.