Behrami ed Inler contro le grandi da soli non reggono il peso di quattro attaccanti

Nel caso del Napoli, gli indizi che fanno una prova non sono tre, ma quattro. Tre sconfitte, Arsenal, Roma e Juventus, e una vittoria (a Firenze) che oggi, per ragioni tecniche, tattiche e di conduzione di gioco, va a sommarsi con le tre gare andate male.
Fino all’anno scorso, molti imputavano a Mazzarri e al suo atteggiamento prudente (difesa e ripartenza) la difficoltà del Napoli di misurarsi in trasferta con le grandi squadre. Quest’anno, cambiato allenatore (Benitez è, secondo l’opinione più diffusa, un tecnico che punta alla costruzione del gioco), il Napoli ha preso solo schiaffi quando si è alzato il livello della competizione. All’Emirates contro l’Arsenal è stato sbriciolato in un quarto d’ora; all’Olimpico contro la Roma ha sofferto un po’ di meno e ha preso 2 gol su calcio piazzato; al Franchi contro la Fiorentina ha fatto due tiri in porta e ha vinto 2-1 con i viola che ancora protestano per il fallo da rigore su Cuadrado; domenica sera allo Juventus Stadium contro i campioni d’Italia ha trascorso i primi 20′ nel terrore e ha chiuso con 3 gol al passivo solo perché Reina ha fatto il fenomeno. Il Napoli ha maturato questa serie nera con una specie di dicotomia al suo interno, una rottura fra quanto l’allenatore immagina e quanto la squadra può dare. Nelle quattro gare in questione, Benitez non ha mai cambiato modulo, sempre il 4-2-3-1 vero e puro, con due mediani, un trequartista (Hamisk o Pandev), due esterni d’attacco (Callejon e Mertens, e quando c’è Insigne l’esterno diventa un vero attaccante) e un centravanti di ruolo. In teoria è una squadra molto offensiva, nella pratica è una squadra facilmente attaccabile quando l’avversario è di qualità e basato su una solida organizzazione di gioco. Nelle gare che per ora determinano una situazione poco gradita nel Napoli, uno dei suoi uomini migliori, Marek Hamisk, non ha mai dato il contributo adeguato alle sue qualità, non ha mai giocato per la squadra e nemmeno per se stesso, fino a raggiungere il punto più basso domenica sera a Torino. Su un punto Benitez deve riflettere: i suoi due mediani sono insufficienti, come numero, quando incrociano squadre col centrocampo a tre, proprio come Roma, Fiorentina e Juventus. In nessuna delle tre gare il Napoli è riuscito a giocare come spesso ha fatto vedere in questa stagione e in quelle precedenti, quando aveva sì Cavani ma non il resto della batteria di grandi giocatori di cui oggi dispone. Se l’idea offensiva di Benitez resta teoria, tradotta in campo diventa presunzione. Oggi il Napoli, così com’è congegnato, non riesce a reggere quattro veri giocatori d’attacco, se questi non lavorano per la squadra. Contro la Juve questa differenza è stata evidente nell’imbarazzo con cui Inler e Behrami, un mastino ridotto a un agnellino, fronteggiavano Vidal-Pirlo-Pogba. In questo caso non c’era solo una differenza di quantità, ma anche e soprattutto di qualità.

Fonte: Corriere dello Sport.

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.