Catania-Lazio 3-1: Padroni di casa perfetti. Reja assapora la prima sconfitta in campionato

Catania-Lazio 3-1: Padroni di casa perfetti. Reja assapora la prima sconfitta in campionato

La Lazio butta via una partita e paga pesantemente la sufficienza con la quale è scesa in campo a Catania, ma sarebbe stata dura comunque contro la squadra di Maran, assetata di punti salvezza e bella e grintosa quanto serviva e capace di tornare al successo dopo sei partite (2-0 al Bologna il 6 gennaio) e ora sempre più lanciato nella lotta per la salvezza. Izco, Spolli e Peruzzi sigillano un 3-1 inequivocabile e meritatissimo per i rossazzurri.

GOL LAMPO — Una partita segnata fatalmente da quanto avviene nei primi secondi: palla a sinistra per Castro, cross e difesa laziale mal posizionata, Izco colpisce di esterno destro di controbalzo non benissimo, la palla prende una traiettoria un po’ sbilenca e beffa Berisha entrando alla sinistra del portiere albanese: dopo 49 secondi siamo 1-0. Il Catania trova un’iniezione di fiducia e di energia e va a ripetizione vicino al raddoppio, chiudendo tutti gli spazi ed avendo gioco facile di fronte a una Lazio lentissima, che fa poco movimento senza palla e sistematicamente bucata dalle rapide ripartenze rossazzurre: Barrientos chiama alla paratona Berisha e si fa male poco dopo alla coscia sinistra lasciando a Keko. Berisha è strepitoso su una punizione da applausi di Lodi al 25′ e sull’angolo brividi laziali con un batti e ribatti in area. La Lazio si sveglia tardi e va al tiro con Biglia, poi con Ledesma (Andujar respinge di pugno). Il pari biancoceleste arriva però in pieno recupero. Candreva inesauribile a destra serve Konko, cross e Mauri, prima volta da titolare dopo il ritorno dalla squalifica, colpisce di testa e beffa Andujar mal posizionato: 1-1 e squadre al riposo.

INIZIO FERALE — Il Catania ha un pregio in più rispetto alla Lazio (Gonzalez per Biglia al 46′): ha voglia e concentrazione. Non si spiega diversamente l’inizio della ripresa che fa il paio con quello del primo tempo. Lazio molle, senza testa: regalata da Lulic una punizione a sinistra, Lodi calcia e in area Spolli insacca di testa con grave errore di Dias che si perde il rivale. Siamo al 3′ e si va sul 2-1. A quel punto gli spazi per i padroni di casa sono grandi come praterie di fronte a una Lazio che prova a reagire coi nervi e coi muscoli. E un contropiede segue l’altro con Berisha che trema più volte, fino al 13′, quando l’ennesima volatona nella trequarti laziale finisce con Keko che da destra mette in area e Peruzzi deve insaccare a porta sguarnita: 3-1. Canovaccio che non cambia: Lazio nervosa e inguardabile incapace di pungere e frecce rossazzurre che a ripetizione volano verso la porta avversaria. E non basta a Reja inserire Perea e Keita per Mauri e Biava. Tanta voglia e appena due tiri in porta (con Klose e Candreva) per una Lazio brutta e inconcludente.

 

Fonte: Gazzetta.it


Laureando in Scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, diplomato in ragioneria. Fin da bambino si diletta a commentare partite di calcio in Tv. Un obiettivo prefissato: quello di diventare un giornalista sportivo di grande livello sfruttando la possibilità che IamNaples.it gli concede nel mondo dell’informazione.

Wincatchers
Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google