E. Fedele: “Saurini e i suoi ragazzi sono sulla strada giusta”

La prima vittoriosa uscita della Primavera di Giampaolo Saurini, che sabato scorso ha battuto la blasonata Roma di Alberto De Rossi con un secco tre a zero, ha richiamato allo stadio Bisceglia di Aversa anche Enrico Fedele, procuratore, tra gli altri, dei fratelli Cannavaro, nonché ex dirigente del Parma e grande esperto di calcio italiano ed internazionale. Dalle sue parole si evince come il Napoli visto contro i giallorossi possa andare lontano in questo campionato Primavera, ottenendo risultati sin da subito: «Ho visto un Napoli già pronto e che ha delle ottime individualità, a parte Roberto Insigne che già si conosceva. Quello che viene  fuori con evidenza è l’autorità dei ’96 (Guardiglio, Palmiero e Tutino sono stati titolari contro la Roma, ndr).  Guardiglio, ad esempio, ha fatto una grandissima partita ed è stato uno dei migliori contro i giallorossi, e  alle loro spalle ci sono anche altri ’96 che hanno delle buone qualità. Al di là del risultato positivo che fa  sempre bene, è buono questo modo di fare del Napoli che schiera in Primavera dei ’96 anticipandosi di qualche anno. Credo che la strada sia quella giusta». Saurini può vantare nella rosa a sua disposizione calciatori dal talento indiscusso, ragazzi che meriterebbero la possibilità di confrontarsi sin da subito con campionati addirittura più competitivi di quello Primavera: «Ci sono dei ragazzi che in questa Primavera fanno la differenza. Se togli due o tre individualità a questa squadra però poi non fai risultato, ma ragazzi del ’94 come Celiento o Insigne potrebbero e dovrebbero andare a giocare. C’è da dire che al momento  devono dare forza alla Primavera per far crescere i più giovani, perché senza non potremmo vedere le prestazioni come quella contro la Roma. Il Napoli aveva tre ’96 in campo e tre in panchina – spiega Fedele –  mentre la Roma giocava anche con qualche ‘93. Quella dei ’96 per il Napoli è una bellissima annata, credo che i buoni auspici ci siano tutti tant’è che Guardiglio, Tutino e Romano sono dei Nazionali». Mai come quest’anno la Primavera azzurra può lottare per il vertice, con un sogno tricolore da cullare con cautela, migliorando partita dopo partita. Nel girone C le romane restano le favorite, ma il Napoli, se continuerà a  lavorare come fatto sino ad oggi, potrebbe insidiare le capitoline, parola di Enrico Fedele: «Pensavo che la Roma fosse una delle favorite, sarà che c’è una rivoluzione anche nei giallorossi, che hanno cambiato molto  rispetto all’anno passato. Ma se il Napoli rimane così, e ricordiamo che contro la Roma mancavano due  stranieri (Lasicky e Appiah, per i quali entro qualche settimana saranno risolte alcune pratiche burocratiche,  ndr), con questo organico il Napoli può lottare per i primi posti».

Fonte: Il Roma

La Redazione

M.V.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google