Galliani scrive alla Figc: “Ora gli arbitri di porta”

“Mi rendo conto che soluzioni tecnologiche, quali quelle proposte da più parti, potrebbero trovare ostacoli e non essere accettate dal sistema; penso però che non vi sia ragione per non adottare anche da noi l’istituto degli arbitri di porta, già praticato dall’Uefa in Champions League: non prevede, mi pare, particolari accorgimenti e non ha alcuna caratteristica di ‘alienità’, ciò che potrebbe invece addebitarsi a sensori, moviole e simili”. Lo scrive l’amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, in una lettera al presidente della Figc Giancarlo Abete.

VITTIMA — L’ad rossonero chiede l’introduzione degli arbitri di porta dopo il secondo episodio di gol non gol verificatosi a sfavore del Milan in campionato. “Caro presidente, come certamente sai, il Milan è stato vittima in due recenti occasioni di altrettanti errori arbitrali: nel corso di Milan-Juventus e di Catania-Milan non gli sono infatti state attribuite due marcature, peraltro decisive ai fini dei risultati, perché la terna arbitrale non ha visto che il pallone aveva superato per intero la linea della porta. Le persone – e dunque anche chi dirige una partita di calcio – commettono inevitabilmente errori, sottolinea Galliani. Tra questi ultimi, però, alcuni sono davvero molto difficili da accettare, pur mettendo in campo tutta la ragionevolezza e la comprensione disponibili. Tali sono quelli di cui per ben due volte il Milan è stato destinatario”.

OSTACOLI — “Mi rendo conto che soluzioni tecnologiche, quali quelle proposte da più parti, potrebbero trovare ostacoli e non essere accettate dal sistema; penso però che non vi sia ragione per non adottare anche da noi l’istituto degli arbitri di porta, già praticato dall’Uefa in Champions League: non prevede, mi pare, particolari accorgimenti e non ha alcuna caratteristica di ‘alienità’, ciò che potrebbe invece addebitarsi a sensori, moviole e simili”, continua nella lettera Galliani. “L’obiettivo di tutti, anche fuori del gioco del calcio, è l’eliminazione, quando possibile, dell’incertezza: credo quindi che quel che ti propongo si debba fare al più presto e mi sento di escludere che tu non convenga con me. Attendo dunque il tuo pronto intervento normativo nel senso qui suggerito e, grato dell’attenzione, ti prego di gradire i miei più cordiali saluti”, conclude l’ad rossonero.

DECIDE IL BOARD — Non si è fatta attendere la risposta della Federcalcio: “La Federazione è disponibile e pronta e ritiene indispensabile intervenire su questo problema”. Così il direttore generale della Figc Antonello Valentini commenta la lettera di Adriano Galliani: “Non sono le federazioni che possono decidere sulla normativa, deve intervenire l’International Football Association Board che si riunirà dopo la fine degli Europei, dove appunto verranno adottati i giudici di porta. Dopo la finale, l’Ifab prenderà una decisione. Non si esclude – spiega il direttore generale della Figc – che l’Ifab possa autorizzare le federazioni dall’anno venturo a sperimentare i sensori di porta e i giudici di porta, o entrambi. Da parte nostra c’è la massima disponibilità a intervenire sul problema”.

 

Fonte: gazzetta.it

 

La Redazione

A.F.

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.