I 62 milioni di Cavani vanno spesi per il Napoli!

NAPOLI – Domani, all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, transiterà un assegno circolare azzurro da sessantadue milioni di euro – escluso il contributo di solidarietà e formazione – con la faccia da indio e le stimmate dei migliori del mondo. Un capitale umano di nome Edinson Cavani; un patrimonio che, in tre stagioni, ha fruttato al Napoli di Aurelio De Laurentiis quarantacinque milioni di euro. Uno degli affari più costosi della storia del calcio dopo Cristiano Ronaldo, Zidane, Ibra e Kakà, e una plusvalenza da capogiro per il club: pagato diciassette al Palermo nell’estate 2010 e rivenduto a sessantadue al Psg tre anni e centoquattro gol dopo. Chapeau. Sì, ma poi cappello di nuovo sul capo e braccia lungo il corpo: sugli attenti, please. Por favor, se preferite, ma fa lo stesso: perché questo assegno plurimilionario in arrivo da Parigi,De Laurentiis deve investirlo interamente nel Napoli. Fino all’ultimo cent: la città è sopravvissuta all’addio di Maradona e respirerà anche dopo quello di Edi il fantastico Matador, ma il presidente ha il dovere di ravvivare il fuoco azzurro con acquisti degni della Champions, del campionato, del blasone, di Benitez. E di Cavani, certo: l’assegno circolare con la faccia da indio che ha fatto ricco e fortunato un club. E allora, riflessioni d’estate. Di quelle che il caldo torrido e l’afa non squagliano mica. Altro che storie: qui si fa la storia. Qui bisogna fare sul serio e anche la squadra del Napoli: le notti di Champions piene di (altri milioni e) passione travolgente, quelle passerelle da urlo che hanno fatto registrare scosse quasi telluriche e commuovere finanche un duro come Yaya Touré, sono dietro l’angolo, ma il San Paolo, per ora, s’interroga su chi trascinerà l’onda anomala: dopo Lavezzi, già le Pocho da un anno, da domani Cavani diventerà Cavanì e adieu a tout le monde.

RICERCA – A.A.A. cercansi sogni disperatamente. Voglia di crescere, voglia di urlare a squarciagola, voglia di impazzire ancora il martedì e il mercoledì; il sabato e la domenica: sì, bene, ma con chi? Con tutti quelli che ci sono, d’accordo, forza ragazzi, forti e brillanti, ma poi? Considerando che a Eduardo Vargas detto Edu non è riuscita, in barba alle intenzioni e alle speranze, la missione di sostituire Lavezzi in campo e nel cuore dei napoletani, nelle prossime settimane, facciamo anche nei prossimi giorni, De Laurentiis dovrà trovare il modo di curare la ferita della cessione di Cavani. La medicina? Okay Leandro Damiao, virgulto della Selecao con buone credenziali, ma soprattutto un diktat: investire i sessantadue milioni di euro-sessantadue, ovvero l’importo della clausola rescissoria escluso il famoso contributo, per la consacrazione definitiva del Napoli. Del Napoli dei napoletani.  Problema. Problemino mica da poco. Collezione, serie: di rifiuti o impedimenti vari e molto poco eventuali, piuttosto matematici e prevedibili, legati soprattutto alla famosa questione dei diritti d’immagine (ma non solo). Dolore vero, un pugno in faccia e un colpo al cuore, il secco, “No, grazie”, che Mario Gomez ha infiocchettato con tanta gentilezza e altrettanta correttezza, pur di non venir meno alla parola data alla Fiorentina. Domanda: ma se tutti, anche le pietre, sapevano della cessione imminente di Cavani già da una vita, perché non scattare in anticipo e assicurarsi la parola diGomez, peraltro molto gradito a Benitez, in tempo utile? Chissà quali argomenti poco convincenti lo hanno spinto a declinare la chiamata di De Laurentiis e del Napoli. La squadra vice campione d’Italia che, rispetto ai viola, giocherà anche in Champions. La coppa che lui stesso, Mario Gomez, ha alzato non più tardi di maggio e che ora vedrà in tivvù.  Ebbene, chi resta all’altezza di Cavani (o giù di lì)? Tolto Lewandowski, promesso sposo del Bayern, verrebbe da dire: Dzeko, Suarez, Higuain, Jovetic e anche Osvaldo. Pokerissimo. Senza cip, parola e bluff: per convincerli, anzi per provare a convincerne almeno uno bisogna investire tanto, tantissimo. Il giusto, considerando gli introiti. Anche tutto se necessario: lo chiede la Champions, lo impone il ciclo inaugurato e che lasciare incompleto varrebbe un delitto. Ma non finisce, non finirebbe mica così: bisogna completare la squadra secondo le indicazioni di Benitez con un altro attaccante di buon livello; uno/due difensori; magari un centrocampista. Investire: memorizzare, coniugare, declinare e farne buon uso. Tutto dentro, all in, fino all’ultimo cent: i sessantadue milioni di euro in arrivo dal Psg sono una garanzia sul futuro del Napoli, un assicurazione sulla crescita e contro i rischi. Altroché.

STUDIARE – E allora, non resta che studiare, mettere a punto la strategia migliore possibile e scattare in avanti, in attacco e segnare proprio come faceva il Matador: De Laurentiis ha preso il Napoli dal fallimento, certo, lo sanno tutti e tutti gli riconoscono il merito, ma allo stesso tempo non è possibile immaginare come una società con sei milioni di tifosi nel mondo, gente irrimediabilmente malata di febbre azzurra, possa pensare di non rimettere in circolo quanto incassato in una botta sola. Investire, il verbo unico. Investire tutto. Perché sognare, nel calcio, costa anche qualche sacrificio. Diciamo così.

Fonte: Il Corriere dello Sport

La Redazione

M.P.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.