Il Mattino – Nocerina e Juve Stabia vanno a caccia di riscatto dopo la falsa partenza

 

Juve Stabia e Nocerina unite da un analogo destino. Le due matricole della serie B hanno esordito nello stesso modo: sconfitta esterna dopo un illusorio vantaggio colto quasi contemporanemente (al 10′ del primo tempo gialloblu in vantaggio con Danilevicius, un minuto dopo rossoneri in gol con Di Maio). Empoli e Sassuolo sono riuscite a completare le loro rimonte. In entrambe le partite determinanti sono stati gli infortuni. I toscani hanno dovuto sostituire pochi minuti dopo il gol stabiese, Cesaretti con Dumitru, e il cambio è andato bene per la squadra di Aglietti. L’attaccante ex Napoli ha cambiato il volto della partita. Suo il gol del pari, di Tavano quello della vittoria. Al Braglia di Modena, invece, il centrocampista Bruno, regista della squadra, è stato costretto a chiedere il cambio per un sospetto stiramento muscolare. Da quel momento la Nocerina ha perso coraggio, non è riuscita più a esprimere quel gioco spumeggiante che è la sua caratteristica consentendo al Sassuolo di mettere a segno tre reti prima del riposo.
Nulla di grave, sconfitte che possono risultare anche salutari per il futuro. Del resto la Juve Stabia era scesa in campo priva, tra infortuni e squalifiche, di sei titolari. E i sostituti non è che siano andati male. In particolare, si è visto un valido Scozzarella. Non ha fatto rimpiangere l’assenza di Danucci in cabina di regìa. Braglia, a fine partita, ha sollecitato nuovi arrivi nel finale di mercato. La preoccupazione principale è l’assenza di Danelivicius nelle prossime due gare, Verona e Crotone, per la «chiamata» nella nazionale lituana. Braglia spinge per avere un sostituto. Franco Manniello, uno dei due patron della società stabiese, lo vuole accontentare. La pista più seguita sembra essere quella di una riapertura della trattativa Bjelanovic. Improponibili gli altri nomi che circolano (Paulinho, Babacar e Castillo) per gli elevati ingaggi dei giocatori. Arriverà anche Abruzzese, dal Crotone, un difensore centrale. Intanto, c’è grande attesa per la decisione che dovrà prendere oggi la commissione di vigilanza della Figc sull’agibilità del Menti. La capienza è stata portata a 7100 posti, potenziati i fari d’illuminazione come preteso da Sky. Tutto a posto per ricevere l’okay e giocare la partita di mercoledì sera con il Verona.
Chi è pronto a festeggiare il restyling del nuovo stadio, è la Nocerina. San Francesco a nuovo per la sfida di domani sera contro la più globalizzata delle squadre della B, il Brescia con ben 14 stranieri. Ieri, Auteri ha strigliato la squadra. Due ore chiusi nello spogliatoio a spiegare gli errori e a farli vedere su un dvd. È convinto che a Modena la Nocerina non sia stata «cattiva» ma in cuor suo, forse sa, che i problemi sono tanti. Da ieri, al gruppo si è unito l’ultimo arrivato Del Prete (oggi sarà depositato il contratto in Lega), il quale ne potrebbe risolvere uno. Il ds Pastore cercherà di sfoltire la rosa della squadra. In lista di sbarco ci sono Ripa, Petrilli e Amabile. Pastore cercherà di portare a casa un centrocampista dai piedi buoni. L’infortunio di Bruno non sembra una sciocchezza e l’assenza dai campi potrebbe protrarsi per più di due partite.

La Redazione

A.S.

Fonte: Il Mattino

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.