Inler, parte la “caccia a Ottobre Rosso”: tanti impegni nel prossimo mese tra Napoli e nazionale

La doppietta di Pandev. L’assist perfetto di Insigne. Gli spazi aperti da Zapata. Le discese di Zuniga. Istantanee di una partita che restituisce al Napoli primato e certezze, che dimostra come l’incredibile pari con il Sassuolo sia stato solo un inciampo casualissimo. Meno appariscente il lavoro di Gökhan Inler nel cuore del campo, ma anche lui, tra lanci eleganti e ricuciture, diventa simbolo del 2-0 di Marassi: «Dopo mercoledì – racconta – volevamo reagire e dimostrare il nostro valore: tenevamo tantissimo a questi tre punti e la concentrazione era altissima».

GIOCO   Non è un caso che insista sul piano caratteriale: è lì che la forza delle grandi squadre affonda radici. Eppoi non si lascia abbagliare troppo dal ritorno al successo e dalla classifica nuovamente dominata, convinto che esistano ancora margini di crescita: «Il nostro gioco può migliorare molto» . Non insiste sul Sassuolo e non gongola per il Genoa, mette in conto le trappole del campionato e confida nelle qualità azzurre:  «Ci sono tante squadre e in serie A ogni partita è difficile» .

STRADA  – Ci ha pensato Pandev ( «E’ stato stato bravissimo e ci ha regalato due grandi gol» ), oscurando l’iniziale dirottamento di Higuain e Hamsik in panchina: «Il gruppo è splendido e la squadra unita: spingiamo tutti per lo stesso obiettivo». Non vola alto, ma misura l’importanza dei tre punti anche pensando all’Arsenal: «Possono darci serenità per la Champions, sarà una grande partita» . Quanto all’effetto immediato, il primo posto in campionato aspettando che giochi la Roma, assicura tranquillità: «E’ sempre bello stare lassù, però dobbiamo tenere i piedi per terra: la strada è ancora lunghissima» .

DIGA  – Il centrocampista, dopo le parole di Marassi, twitta anche la sua soddisfazione. E conferma sul social network il pensiero che non ci sia comunque tempo per gioire, profilandosi un’altra sfida importantissima: «Ci siamo riscattati subito ma non ci fermiamo perché fra tre giorni c’è la Champions» . Lui è pronto, con i suoi lanci verticali o con i palloni smistati sulle fasce, con le ripartenze avviate come ieri nella ripresa quando il Genoa ha tentato di osare qualcosa in più. Inutilmente, perché la diga svizzera ha retto, con Behrami statuario al suo fianco e Dzemaili entrato a dar manforte.

OTTOBRE  – Un’impronta rosso-crociata sul Napoli che vola alto, che s’affaccia di nuovo all’Europa dopo il debutto felice con il Borussia, che studia il Livorno e non ignora, pur vivendo giornata dopo giornata, il caso della partita con la Roma che fa sognare il Sud e profuma di scudetto. Inler, con Behrami e Dzemaili pensa anche al Mondiale, alle qualificazioni con Albania e Slovenia che lo aspettano all’inizio di ottobre. Questa, però, è un’altra storia: adesso gli obiettivi sono azzurri. «La sfida con l’Arsenal sarà durissima, ma il gruppo è forte e abbiamo i mezzi per far bene. Daremo tutto, come sempre. Come a Marassi in questa partita che ci riporta in vetta: bella sensazione, anche se il cammino è lungo, l’importante è esserci rifatti dopo il Sassuolo».

Fonte: Il Corriere dello Sport

La Redazione

M.V.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.