L’angolo del calcio estero:United e Dortmund prossime al titolo, per il Real decisivo è il classico di sabato

Premier League: a quattro giornate dal termine sono cinque i punti che separano il Manchester City dallo United, sempre in vetta alla classifica. Nelle ultime giornate di campionato la squadra di Roberto Mancini ha subito un evidente calo di risultati dovuto sia alle diverse grane scoppiate (vedi il caso Tevez, terminato “apparentemente” col reintegro dell’argentino in rosa), sia all’inconcepibile comportamento di Mario Balotelli, talento dalle ottime doti calcistiche ma sempre in preda a raptus di follia dentro e fuori dal campo. I Citizens, dopo la cocente eliminazione in Europa League da parte del Porto e l’eliminazione subita dai cugini in FA Cup, hanno ridimensionato gli obiettivi prefissati ad inizio anno. L’unica nota lieta è il reintegro di Carlos Tevez, autore di una tripletta al “Carrow Road” contro il Norwich per 6-1 (le altre reti sono state siglate da Aguero con una doppietta e Johnson). Ben diverso è l’umore in casa dei cugini dello United. Dopo lo sciagurato derby perso 6-1, la stagione sembrava destinata a concludersi con un pugno di mosche, invece la compagine di Sir Alex Ferguson ha rialzato la testa, collezionando 12 vittorie nelle ultime 14 partite di Premier, e raggiungendo meritatamente la vetta della classifica. Il tutto impreziosito da un pizzico di romanticismo per il ritorno all’Old Trafford di un veterano quale Paul Scholes, che a 37 anni torna in campo per fare la differenza. La roboante vittoria per 4-0 nell’ultima giornata di campionato contro l’Aston Villa ha fatto dimenticare la debacle della precedente giornata in casa del Wigan. Adesso mancano solo quattro giornate per mettere le mani sul ventesimo titolo della sua storia dei Red Devils. Dietro queste due troviamo quattro squadre, separate da soli sette punti, tra le quali solo due accederanno rispettivamente alla Champions League e all’Europa League. Il club più in palla sembra esser l’Arsenal, attualmente al terzo posto in classifica, che dà una decisa sferzata al suo campionato con la vittoria casalinga di misura di tre settimane fa contro il City.  L’unica nota stonata di queste ultime giornate di Premier dei Gunners è l’inaspettato passo falso arrivato all’Emirates Stadium con la sconfitta per 2-1 contro il Wigan. Il Tottenham, distante cinque posizioni, è incappato nella sconfitta della semifinale di FA Cup contro il Chelsea per 5-1. Gli Spurs rimangono con l’amaro in bocca per il gol fantasma di Juan Mata del momentaneo 2-0. D’altro canto i Blues possono contare su uno strepitoso momento di forma che li condiziona. Con l’arrivo di Roberto Di Matteo la squadra sembra aver ritrovato lo smalto dei giorni migliori: solo una sconfitta nelle ultime 10 partite tra campionato, FA Cup e Champions, rilanciandosi per la conquista del quarto posto distante solo due punti. La vera sorpresa di vertice è senza dubbio il Newcastle. Alan Pardew sta effettuando un vero e proprio miracolo visto che dispone di un organico di potenziale ben meno elevato rispetto alle big inglesi. Lo strepitoso momento è testimoniato anche dalle sedici reti realizzate dell’attaccante senegalese Demba Ba, trascinatore dei MagPies. Nella zona calda della classifica, oltre all’oramai spacciato Wolverhampton, le squadre che dovranno contendersi la salvezza sono Blackburn e Bolton (attualemte penultima e terzultima) poco distanti da Qpr Wigan e Wigan.

 

Liga: In Spagna il duello al vertice tra Real Madrid e Barcellona è arrivato al momento decisivo. “El clàsico” in programma alle ore 20 di sabato prossimo designerà, con molta probabilità, il vincitore del campionato. I Blancos di Josè Mourinho hanno perso durante il proprio cammino punti importanti, riducendo in maniera consequenziale il vantaggio dai blaugrana. Ma la forza di gruppo e, soprattutto, il vantaggio di avere in squadra il miglior recordman di reti di sempre procura i suoi effetti: 41 reti in 33 partite, questo è lo score di Cristiano Ronaldo. CR7 sta incantando con le sue prestazioni superlative, trascinando la società di Florentino Perez alla conquista del titolo. Nell’ultima gara contro lo Sporting giocata al Bernabeu la troupe del Mou mette a segno un’importante rimonta per 3-1 con le reti di Higuain, Benzema e Ronaldo, i quali ribaltano il momentaneo vantaggio ospite di De las Cuevas. Il Barcellona, dal canto suo, risponde con una discussa vittoria in casa del Levante grazie ad una doppietta di Messi (1-2 il risultato finale), con un rigore molto dubbio assegnato ai catalani. Scalando la classifica troviamo il Valencia e il Malaga che perdono l’occasione giusta per poter allungare in classifica: la prima perde allo stadio El Prat contro l’Espanyol con un clamoroso 4-0, mentre la seconda rimane inchiodata sull’1-1 contro la Real Sociedad. Il Siviglia perde anch’esso clamorosamente nel posticipo di lunedì sera in casa del Getafe per 5-1, evidenziando sempre più i problemi difensivi che si trascina dietro da inizio stagione. L’Atletic Bilbao, dopo aver raggiunto la semifinale di Europa League, evidenzia il suo ottimo stato di forma vincendo di misura in casa contro un insidioso Maiorca grazie alla rete di Llorente. L’Atletico Madrid del Cholo Simeone espugna il Teresa Rivero vincendo di misura sul Rayo Vallecano grazie alla rete di Radamel Falcao (22 reti in 29 partite per il colombiano), scalando la classifica verso la zona Europa. Nel match chiave per la salvezza il Villarreal non va oltre l’1-1 interno conto il Racing Santander. Il Sottomarino Giallo, orfana ancora una volta di uno sfortunatissimo Giuseppe Rossi, non riesce a staccarsi dalle zone calde della classifica contendendosi la salvezza insieme al Granada, sconfitto fuori casa dal Real Saragozza (distante ora 5 punti al terz’ultimo posto).

Bundesliga: Se qualcuno avesse avuto un minimo dubbio sulla conquista del Meisterschale da parte del Borussia Dortmund anche quest’anno, sarebbe stato totalmente contraddetto. I gialloneri non perdono una partita dal 6 dicembre dello scorso anno (sconfitta casalinga in Champions contro il Marsiglia). Dopo aver vinto di misura il match contro il Bayern Monaco, i ragazzi di Klopp erano attesi sabato scorso dallo Shalke per l’affascinante derby della Ruhr. Nonostante il vantaggio dei padroni di casa con Farfarn (seguito dal Napoli), i campioni di Germania manifestano tutta la loro personalità rimontando, prima, grazie al difensore polacco Piszczek, poi con il  capitano uomo simbolo Sebastian Kehl. A tre partite dalla fine e con ben otto punti di vantaggio sul Bayern i gialloneri possono (già da sabato prossimo) festeggiare la vittoria matematica del titolo. A facilitargli la vita è sicuramente il Bayern, che pareggia con un deludente 0-0 all’Allianz Arena contro il Magonza. Lo Stoccarda vince largamente il match casalingo contro il Wender Brema per 4-1, collezionando il nono risultato utile per i biancorossi, i quali nutrono ancora speranze per la qualificazione Champions. Nelle zone calde della classifica, dopo il Kaiserslautern oramai retrocesso, risultano importanti le vittorie di Amburgo e Augsburg che vincono, rispettivamente, contro Hannover (1-0 con la rete decisiva di Son al 12′), e Wolfsburg (2-1 in trasferta grazie alla decisiva rete di Langkamp), mettendo nei guai il Colonia di Podolski, sconfitto dal Borussia Mönchengladbach. Il M’gladbach offre spettacolo con Arango e Reus. Due gol splendidi nel 3-0 del Borussia Mönchengladbach sul Colonia: la squadra di Favre sale così a -1 dal terzo posto dello Schalke, e protegge il suo quarto posto dagli attacchi dello Stoccarda. L’Hertha Berlino conquista un punto nella trasferta pirotecnica di Leverkusen: la squadra della capitale va sotto di due gol e poi rimonta fino al 2-3, ma alla fine Kiessling firma il gol del definitivo 3-3 per la squadra di Hyypia.

 

 

Gilberto D’Alessio

 

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.