L’emozione di Insigne: “Quel gol, il boato del San Paolo e chi dorme più…”

Una rete da show e una frecciatina: «Quest’anno sento la fiducia dell’allenatore»

NAPOLI – Si fa in fretta è stato tutto bello: ma ciò che resta dentro, quel vulcanico che implode in Lorenzino Insigne, è lava allo stato puro, la bruciante felicità di un istante da portarsi per sempre appresso, riguardandola con i propri occhi. « Sono andato a letto tardi, è vero, però non sono riuscito a dormire… ». I sogni non sempre muoiono all’alba, perché il risveglio è un abbagliante revival, è un brivido che (ri)percorre la schiera e che s’onde nell’etere  mentre attraverso Kiss Kiss si ripercorre istantanea per istantanea quella prodezza offerta a sé e ai sessantamila, l’autografo su un successo firmato Insigne. « Io penso sia stato molto bello e credo anche che nessuno avrebbe potuto prendere quella palla. Penso anche che pur spostandosi qualche frazione di secondo prima, il portiere del Borussia Dortmund non ci sarebbe mai arrivato. Devo dire che mi spiace per lui, perché ho saputo solo dopo che in quell’occasione ha battuto con la faccia sul palo e si è rotto un dente ».

IL SASSOLINO – Ladies and gentlemen, la stella che nasce in una notte solenne è in quel (piccolo) fenomeno costato un niente, millecinquecento euro appena, poi cresciuto a pane e tridente con Zeman e confermato dal Napoli con la benedizione telefonica concessa dal boemo al presidente partenopeo al termine di una stagione semplicemente fantastica, chiusa trascinando il Pescara in A e Insigne al San Paolo, nonostante qualche resistenza che diviene la chiave di lettura di una frase buttata lì nel post-partita con il Borussia Dortmund nella pancia del San Paolo: « Quest’anno sento la fiducia dell’allenatore ».
L’alone d’una precauzione eccessiva – nonostante 37 presenze, ma con solo 17 da titolare – della passata stagione evapora in quel capolavoro che serve per lanciarsi nell’Europa che conta, Grane fra le Grandi per potersi concedere di fantasticare « I primi brividi mi sono venuti quando ho sentito la colonna sonora della Champions: io nel maggio del 2011 giocavo in serie B, a Pescara, e l’avevo sentita e vissuta soltanto attraverso la tv. E’ chiaro che ci pensassi, in quei momenti; è passato così poco tempo e sono accadute tante cose. Però poi ne avevo parlato Paolo Cannavaro, mi aveva descritto certe sensazioni sue nel momento in cui si entra in campo per queste sfide: non credevo fosse così emozionante e invece è stato realmente fantastico ».

SCHERZI DEL DIAVOLO – Cos’altro chiedere ancora a questa esistenza da amabile guascone che va di fretta, ch’è prematuro in tutto: il Napoli, l’altare con Genny (« l’esultanza con il cuoricino era per lei »), un figlio e poi il titolo di vice campione d’Europa con l’Under 21, il debutto in Nazionale, il gol al San Paolo in Champions, in una giostra irrefrenabile? « Viviamo alla giornata, ma queste sono vittorie che fanno bene anche all’autostima e dunque andremo domenica a Milano per far bene, per giocarcela, per provarci. La fiducia non manca, lo spirito è quello giusto: dobbiamo lavorare, dobbiamo migliorarci e stare con i piedi per terra ». E gli occhi al cielo: palla all’incrocio, dove la vita d’Insigne può cambiare. « Aspettavo da un sacco di tempo di poter correre sotto la curva dei nostri tifosi per poter festeggiare. Mi spiace soltanto per l’ammonizione, ma non sono riuscito a contenermi. Ora penso a domenica sera, al Milan: sarà una partita importantissima e sarà un match corretto, sia in campo che in tribuna. Spero che vada tutto bene, per noi ». Dal San Paolo a San Siro: s’accendano le luci…

 

La Redazione

G.D.

Fonte: Corriere dello Sport

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.