Moggi: “Giustizia sportiva autonoma? Beato chi ci crede”

Moggi: “Giustizia sportiva autonoma? Beato chi ci crede”

Nel corso della trasmissione Si Gonfia la Rete in onda su Radio CRC è intervenuto Luciano Moggi ed ha rilasciato alcune dichiarazioni, ecco quanto evidenziato da IamNaples.it:

“Che succede alla Juventus? Succede quello che dicevo nel 2006. Conte ha più ragioni per protestare. Un esempio: il Siena ha 3 giocatori puniti per illecito, 3 responsabilità oggettive, presidente indagato  e poi prosciolto. Ma il Siena è stato solo penalizzato di 6  punti: un aborto giuridico. Conte è una persona perbene, lo conosco, pensa a vincere e non al resto che è nella testa degli altri. Grosseto Livorno nel 2009: in quell’occasione il presidente Camilli che gridò allo scandalo fu lasciato a gridare nel deserto. Ora basta un bugiardo perché Camilli venga tirato in ballo. È una giustizia schizofrenica  Petrucci farebbe bene a tacere, perché tutti hanno qualcosa da nascondere. Quando Palazzi ha la conferma da Abete a chi deve credere? Sandulli chi ce lo ha messo? Quando Abete parla di autonomia di giustizia sportiva chi ci crede beato lui. E gli avvocati sono superflui se possono parlare solo per 10 minuti, non è una giustizia, è una giustizia domestica fatta per chi la amministra. Quando si parla di società di calcio si parla di SpA quindi il codice sportivo non vale più, ci vuole la giustizia ordinaria. Mercato del Napoli? non è stato un granché ma ha una formazione forte con un  modulo non ben alimentato dalla squadra, non c’è più Lavezzi a sfondare le difese ma Pandev e Cavani a tirare in porta, ma chi fa l’ultimo passaggio? Il Napoli è una buona squadra, nel campionato e non in Europa League, quest’anno più difficile avendo il Milan smobilitato, la Juve invece si è rafforzata e si candida pure a rivincere il campionato. Palermo? Il Napoli è superiore. Mazzoleni e i 5 arbitri? ho già parlato su di lui e quella partita non ha colpe specifiche né per la Juventus né per il Napoli. il problema è stato una designazione arbitrale sbagliata con un arbitro che ha perso la partita di mano. Un arbitro esperto finge anche di non sentire un’offesa per far finire la partita nel migliore dei modi. L’errore del Napoli è stato il reclamo mediatico della diserzione della cerimonia, avrebbe dovuto farsi sentire nelle sedi opportune, facendo conoscere il calcio italiano anche in Cina. Per me attendo il Consiglio di Stato per arrivare all’Europa. Trattenere Cavani? Per trattenere un giocatore importante devi aumentare economicamente il contratto. Non è giusto infatti porre alla pari uno come Cavani e uno “normale”.”

La Redazione

M.V.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google