Quante occasioni perse dai ragazzi di Mazzarri

Il primo posto è lontano ma non irrangiungibili

Ci sono match-ball che non si possono mancare: quello di ieri con la Samp per il Napoli lo era. Mancato come in altre occasioni. Perché la differenza in classifica tra Juventus e Napoli è stata prodotta (o, meglio, avviata) in particolare dallo scontro diretto ma per colmare quel piccolo «baratro» i ragazzi di Mazzarri hanno avuto diverse occasioni, metà di esse sono state gettate alle ortiche e il calcio è un po’ come la vita: il conto ti viene presentato sempre quando sprechi. Se quel match-ball fosse stati sfruttato, oggi Mazzarri potrebbe guardare alla prossima sfida con la Juventus in una maniera diversa, avrebbe potuto anche coltivare «sogni» di sorpasso mentre adesso il tecnico deve soprattutto puntare l’obiettivo «minimo» (che poi minimo non è per nulla), cioè l’aggancio (a patto che rosicchi almeno un punto nel prossimo turno di campionato che sarà più complicato per il Napoli che per la Juventus (ospita il Siena mentre Cannavaro e compagni dovranno andare a Udine). Insomma, l’errore di ieri rischia di pesare sul presente e, ancora di più sul futuro: una distanza ridotta a due punti avrebbe creato pressione sui bianconeri; una distanza sostanzialmente immutata, corrobora il morale di una squadra che questa settimana, per giunta, non sarà impegnata in Europa. 

ERRORI – Certo non è la prima volta in questa stagione che il Napoli spreca occasioni. La più clamorosa all’undicesima quando al San Paolo si presentò il Torino. Giocò male, la squadra di Mazzarri (come ieri, più o meno) ma riuscì a realizzare il gol del vantaggio. Doveva solo gestirlo, invece, al 46’ della ripresa, con l’arbitro che aveva già il fischietto tra le labbra, Aronica con un clamoroso errore (un passaggio totalmente sbagliato) spalancò la porta di De Sanctis. Un pareggio inopportuno proprio nella giornata in cui la Juventus cadeva in casa contro l’Inter. Anche quello era una match-ball da non mancare ma venne mancato, per un calo collettivo di rendimento e per un deficit autolesionistico di attenzione. Ma due turni dopo, il Napoli riuscì a buttarsi via in maniera ancora più malsana, contro il Milan. In quel caso, l’avvio della squadra di Mazzarri fu scoppiettante: qualità di gioco ed efficacia. Due gol di vantaggio che sembravano aver chiuso la partita che invece venne completamente riaperta, riaperta sino al 2-2 finale. Ancora un eccesso di disattenzione. 
MOMENTI FELICI – Non sono mancati, ovviamente, i momenti felici, quelli in cui la squadra di Mazzarri è riuscita a recuperare terreno sulla «lepre» . Il caso più clamoroso, la sfida con il Parma: una vittoria conquistata con una certa fatica ma anche con una rabbia, una determinazione e una convinzione che in queste situazioni possono fare la differenza. Ci sono, poi, alcune strane (o profetiche) coincidenze. La Samp che ieri ha fermato il Napoli aveva consentito, alla 19°, alla squadra di Mazzarri di avvicinarsi alla testa grazie alla vittoria allo Juventus Stadium. Ma se i genovesi hanno equamente diviso i «dolori» , il Catania li ha inflitti soltanto al Napoli visto che i ragazzi di Mazzarri al Cibali in superiorità numerica per 91 minuti non riuscirono a vincere consentendo alla Juventus di accumulare un piccolo vantaggio prima dello scontro-diretto. Poi i bianconeri vincendo a Catania (con un arbitraggio che fece imbufalire i siciliani) confermarono quel distacco. Al di là delle circostanze più o meno curiose, la questione è che ancora una volta il Napoli è parso privo degli stimoli necessari per approfittare delle «disgrazie altrui» .
Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.