RAI – Insigne ha già chiesto tre volte la cessione, ma ora rinnoverà

Adesso si sta discutendo del rinnovo di contratto

“Insigne ha chiesto tre volte la cessione: la prima volta dopo l’addio di Benitez, la seconda prima dell’ultimo rinnovo e poi di recente, prima dell’incontro con Raiola”. A rivelarlo è l’esperto di mercato della Rai Ciro Venerato intervenendo a Tv Luna nel corso di “Goal show”. “Adesso si sta discutendo del rinnovo di contratto. Insigne resterà e rinnoverà fino al 2024”, ha spiegato Venerato che però aggiunge: “Ai prossimi fischi si ripresenterà la stessa situazione”.

LE PAROLE DI DE LAURENTIIS – D’altronde proprio De Luarentiis oggi, a margine del forum al Corriere dello Sport, aveva detto su Insigne: “Mi risulta che sia un giocatore del Napoli, è napoletano. Poi lui ha sempre dimostrato da un lato un grande attaccamento alla maglia, se poi questa grande responsabilità di essere anche napoletano gli ha giocato nel passato e gli potrebbe giocare nel futuro una idiosincrasia con quei tifosi, che dico che non sono tifosi, non posso certo obbligarlo a rimanere suo malgrado. Lui più volte, quattro anni fa o sei anni fa, mi ha chiesto di andare via perchè non si sentiva amato. Me l’ha anche chiesto prima dell’incontro chiarificatore con Mino Raiola”.


Gestione Sinistri Caterino

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.