Rocchi a Milano, un trend negativo da invertire

Inter-Napoli, gara valevole per la sesta giornata di andata della Serie A, sarà affidata all’arbitro Gianluca Rocchi della sezione di Firenze, coadiuvato dagli assistenti di linea Nicoletti e Romagnoli con De Marco come quarto uomo. Andiamo ad analizzare l’andamento dell’arbitro toscano e i suoi precedenti con il Napoli.

Gianluca Rocchi fa il suo debutto nella massima serie nel campionato 2003/2004 quando all’ultima giornata viene chiamato a dirigere Lecce-Reggina, l’anno successivo viene premiato come miglior arbitro debuttante della Serie A. Nell’anno 2006/2007 raggiunge la piena maturazione, anche se l’anno per lui non era cominciato nel migliore dei modi, coinvolto nello scandalo di Calciopoli, Rocchi viene assolto dal Tribunale di Napoli e tuttavia la sua carriera non viene segnata, perchè l’arbitro toscano non viene mai sospeso dall’AIA, convinti che Rocchi fosse del tutto estraneo ai fatti. Internazionale dal 2008, Rocchi ha diretto molte classiche del calcio italiano tra cui 1 Derby di Milano, 1 Juventus-Inter, 2 Derby di Roma, 2 Milan-Juventus, 3 Juventus-Roma, 1 Inter-Roma, 2 Derby della Mole e ad oggi vanta 109 presenze in serie A e più di 25 in campo internazionale.

In questo inizio di campionato ha diretto Milan-Lazio e Lecce-Atalanta. Nella prima gara Rocchi ha avuto una direzione positiva; quasi sempre lineare nei giudizi, ha avuto una gestione dei cartellini poco severa lasciando correre forse un po’ troppo spesso, nella seconda gara Rocchi è stato ottimo, bravo nell’assegnare il rigore del vantaggio all’Atalanta e ancor più abile nello smentire la segnalazione sbagliata dell’assistente in occasione del momentaneo pareggio di Mesbah .

Andiamo a vedere adesso quali sono i suoi precedenti con il Napoli. In totale Rocchi ha arbitrato 12 volte i partenopei con 5 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte. La prima partita diretta dall’arbitro toscano fu nel gennaio 2004, Bari-Napoli 0-0, partita diretta senza macchia e senza onore. Poi Rocchi ed il Napoli s’incrociano dopo due anni nel campionato di Serie B 2006/2007, dove il fischietto toscano dirige Napoli-Rimini 1-0 e la delicata partita del ritorno in Serie A Genoa-Napoli 0-0. Dopo aver diretto Napoli-Parma 1-0 e prima di Napoli-Palermo 2-1 dove tutto è filato liscio, cominciano le dolenti note.

Napoli-Lazio 2-2 (20 gennaio 2008): Tutto sommato una partita diretta bene da Rocchi, ma troppo fiscale nella seconda ammonizione per Blasi per proteste che gli costa il rosso. Negli ultimi minuti, con il pareggio azzurro, si surriscaldano gli animi in campo e l’arbitro non riesce a tenere la partita, infatti al suo triplice fischio, salta il terzo tempo ed entrambe le squadre protestano per l’arbitraggio, con Rocchi costretto ad uscire dal campo in fretta e furia.

Juventus-Napoli 1-0 (16 marzo 2008): Un unico errore, ma pesantissimo perchè regala ai bianconeri i tre punti. Dapprima concede il vantaggio al Napoli nel contrasto Santacroce-Nedved con il difensore azzurro che subisce fallo, poi con palla a Lavezzi che stava per far ripartire l’azione azzurra, non sanziona il fallo di Molinaro che colpisce direttamente la caviglia del Pocho. Erroraccio che consente alla Juve, sulla successiva ripartenza, di andare in gol.

Milan-Napoli 1-0 (2 novembre 2008): In questa partita Rocchi è totalmente insufficiente, si mostra troppo casalingo usando due pesi e due misure, sempre puntuale nell’ammonire i giocatori del Napoli, tra i quali Maggio espulso con doppio giallo, ma mai quando si tratta dei rossoneri, soprattutto quando si tratta di ristabilire la parità numerica. Concede un rigore al Milan per un fallo di mano di Pazienza, che è praticamente inesistente con il centrocampista che ha il braccio attaccato al corpo.

Dopo il pessimo arbitraggio Rocchi non viene più designato per arbitrare il Napoli, questo fino al campionato scorso quando dirige Cagliari-Napoli 0-1 dove il fischietto fiorentino è ancora avaro di cartellini con la squadra avversaria, ma non vede nemmeno un probabile fallo di mano in area di Aronica. In Inter-Napoli 3-1 Rocchi sfodera un ottima prestazione, con giudizi uniformi anche se facilitato dalla partita, unico episodio è il gol di Cavani annullato giustamente per fuorigioco. Altra partita con pochi episodi arbitrali è Napoli-Sampdoria 4-0, ci sta tutto il rigore fischiato per il Napoli e fa bene a non fischiare il fuorigioco al quarto gol con Cavani dietro la linea della palla.

L’ultimo precedente risale al 28 febbraio scorso in Milan-Napoli 3-0. Ad essere onesti il Napoli non ha prodotto azioni pericolose per tutti e 90 minuti, a differenza dei rossoneri, ma c’è anche da dire che prima del discutibile rigore assegnato ai diavoli, il Napoli stava tenendo bene in difesa. Rigore discutibile perchè l’azione dal quale nasce è viziata da un fallo di Ibrahimovic su Cannavaro, l’azione prosegue con una rovesciata in gioco pericoloso di Jankulovski su Aronica ed infine il tocco del difensore partenopeo con il gomito sembra involontario, ma Rocchi applica la regola del danno procurato in modo molto fiscale, forse remore del mancato rigore fischiato allo stesso calciatore in Cagliari-Napoli sempre per un tocco di mano.

Nel complesso l’arbitro Rocchi riesce a tenere bene le partite, ma sembra soffrire un po’ il pubblico delle grandi occasioni, mostrandosi forse un po’ troppo casalingo in alcuni casi. Le statistiche tutto sommato danno un bilancio positivo, anche se questo dato cambia radicalmente quando il Napoli gioca a Milano, su tre partite dirette da Rocchi contro le milanesi, ci sono state tre sconfitte, due delle quali di sponda rossonera con la mano dell’arbitro, speriamo che sia Rocchi che il Napoli possano invertire questo trend.

A cura di Raffaele Di Guida

 

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google