Toni Iavarone: “Conte? A Pechino Pandev fu espulso per un sussurro in macedone”

Toni Iavarone: “Conte? A Pechino Pandev fu espulso per un sussurro in macedone”

È intervenuto ai microfoni di Si gonfia la rete, in onda sulle frequenze di Radio CRC, l’ex allenatore Alberto Bigon. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di Iamnaples.it:

 

Ieri il Napoli è stato cattivo e cinico. Nel momento in cui, però, gli azzurri dovevano difendere il risultato hanno fatto qualche errore di troppo; come ha detto Mazzarri il vantaggio doveva essere aumentato quando se ne sono avute le occasioni nel primo tempo. Hamsik? Lo slovacco è la chiave di volta in questo Napoli. Lui segna e sfodera assist con grande naturalezza, si tratta di un grande calciatore. Il mio Napoli? Non avevo in rosa un calciatore simile ad Insigne, nella mia squadra la seconda punta la faceva Carnevale. Careca potrebbe essere, invece, un po’ accostato a Cavani. Edinson? L’ho spesso spronato ad essere più concreto e direi che mi ha preso alla lettera. Un giocatore con questo fisico, questa resistenza e questo fiuto del goal è difficile da trovare. Proteste di Torino? Mi chiedo cosa sarebbe successo se Mazzarri fosse entrato in campo come ha fatto Conte; Walter non appena si muove viene punito

 

La Redazione

L.D.M.


Traduttore e giornalista, ha conseguito con lode la Laurea Specialistica in “Lingue e letterature romanze e latinoamericane” presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” dopo aver concluso, il percorso triennale in “Lingue, letterature e culture dell’Europa e delle Americhe”. Nel 2010 inizia a scrivere per il mensile “Quattroparole” occupandosi di cultura, spettacolo ed attualità. Nell’agosto del 2011 approda nella redazione di Iamnaples.it dove si occupa, prevalentemente, di seguire l’avventura della Juve Stabia nel campionato cadetto.

Gestione Sinistri Caterino
Wincatchers


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google