LIVE – Toronto FC, Insigne: “Sono qui per una scelta di vita. A Napoli ho perso trofei che fanno ancora male”

Lorenzo Insigne, nuovo giocatore del Toronto FC, parlerà in conferenza stampa insieme al presidente Manning e all’allenatore Bradley:

Insigne: “Ciao, buonasera a tutti, sono contento di essere qui oggi e di rispondere alle vostre domande. E’ un’avventura nuova per me e la famiglia, è la mia prima volta lontano da Napoli. Il presidente mi ha parlato molto bene della città, non vedevo l’ora di arrivare qua e di conoscere il mister e i miei compagni di squadra. La partita che ho visto tre giorni fa è stata uno spettacolo. Conoscendomi sto male perché non vedo l’ora di aiutare i miei compagni, scendere in campo e mettermi a disposizione del mister. Sono molto emozionato perché è la prima volta che faccio una conferenza del genere e spero vada tutto bene”.

Insigne: “Siamo da pochi giorni qua, ma sia a me che alla mia famiglia la città ha fatto un’ottima impressione. Siamo qui da poco, abbiamo ancora tanto da vedere. La gente, la qualità della vita ci ha fatto una gran impressione e ci piace tantissimo. Non sono mai stato lontano da Napoli, sono emozionato, è stata dura lasciarla. Ho fatto soprattutto una scelta di vita per i miei figli e spero che qui possano avere un grande futuro e che possiamo crescere come famiglia”.

Insigne: “Ho parlato col presidente quando ci siamo incontrati e mi ha fatto un’ottima impressione, sia come persona sia come storia del club. Lo so che tanti pensano che sono qui per l’aspetto economico, ma se ho fatto questa scelta l’ho fatta per il bene della mia famiglia, per mia moglie. L’ho fatto per loro, per crescere insieme. Il progetto che mi ha illustrato il presidente è quella di vincere la Champions League, sarebbe la prima volta per il club”.

Insigne: “Con Michael sto parlando spesso, parla italiano… Prima del mio arrivo ci siamo scambiati i numeri di telefono e si è messo a disposizione e mi ha detto che ci sarà sempre, all’inizio per me sarà importante. E’ un grande giocatore, ci ho giocato contro. Ha esperienza e si vede, sta sempre nella posizione giusta e aiuta i compagni. E’ un vero leader e un vero capitano”

Insigne: “Pressioni? Ringrazio il presidente per quest’opportunità. Ma ho giocato nel Napoli dieci anni e in Nazionale e sono abituato alle pressioni. Non mi piace tanto parlare, ma far parlare il campo. A parole siamo bravi tutti ma bisogna dimostrarlo sul campo e farò questo”.

Insigne: “Ho accettato volentieri perché volevo una nuova sfida, vorrei dimostrare il mio valore anche in questo campionato. Non mi ha condizionato che Giovinco ha giocato qui, siamo due giocatori diversi. E’ giusto che se lo ricordano ancora, lui qui ha vinto. Cercherò di fare anch’io bene come ha fatto lui e portare il Toronto a vincere un trofeo importante”.

Insigne: “Seguo il Toronto da quando ho firmato. Ho guardato dalla prima partita di campionato a ora che sono arrivato qua. Ci sono giocatori di esperienza forti come Bradley, Pozuelo, Osorio. Ci sono dei giovani che possono dare qualcosa”.

Insigne: “Sono molto contento di essere qui, lo ripeto, sono fiero e orgoglioso di aver accettato questa sfida. Al primo giorno al ‘Caffè Diplomatico’ sembrava di stare a Napoli. Mi sono sentito a casa. Toronto è come stare a casa. Lo so che Napoli è lontana, però pensare che qui si sta bene mi ha fatto riflettere… Anche senza giocare mi sento amato e acclamato e questo è motivo di orgoglio per me. Ma voglio scendere in campo e farmi amare dalla gente per le mie giocate. Sono un attaccante, ma come sanno tutti mi sacrifico tutti e mi sacrifico molto. Pochi attaccanti pensano a sacrificarsi, spesso ho litigato con mio padre perché diceva che dovevo segnare di più. Ma più la squadra fa bene e più si esaltano le qualità del singolo”.

Insigne: “A me piace giocare a calcio, dove mi diverto. Se devo scegliere, scelgo esterno a sinistra. Però ripeto che qualsiasi posizione la sceglie il mister, io posso giocare pure in porta. Non c’ho il fisico ma non fa niente (ride, ndr). L’importante è vincere le partite”.

Insigne: “Offerte concrete non ne ho ricevute, perché quando ho parlato col presidente mancava ancora tanto alla mia scadenza. C’ho 31 anni, non sono vecchio. Potevo ancora stare in Europa, però ho pensato che adesso era meglio decidere il bene per me, mia moglie e i miei figli. Per me vengono prima di tutto. Poi dopo 10 anni di Napoli, dove ho dato tanto e vinto e perso dei trofei che fa ancora male… Però volevo cambiare un po’ e fare una nuova esperienza. Andare in un top club europeo o venire qui non cambiava nulla. Toronto è una nuova sfida. Dicono che il calcio in America non sia calcio, non è così altrimenti non stavo qua. Sono qui per aiutare il club a vincere un trofeo che qui non hanno mai vinto. Voglio essere il primo giocatore italiano a raggiungere quest’obiettivo. Per quello che hanno investito su di me meritano che dia tutto, li ringrazierò sempre, perché hanno fatto tanto per me. Ho conosciuto Bill, in questi giorni conoscerò altri presidenti e li ringrazierò. Non vedo l’ora di ripagare la fiducia riposta in me”.

Insigne: “All for One”.

Termina la conferenza stampa di presentazione di Lorenzo Insigne al Toronto FC.

STufano
Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.