Zeman, su Abete è bufera

Stavolta è un attacco frontale al potere, diretto e senza filtri. Zdenek Zeman ha scelto di colpire con dura ironia, nel suo stile: «Abete non è un mio nemico, è un nemico del calcio» . E’ stato un tornado così potente, quello scatenato dal settimanale «Sette», da suggerire una successiva precisazione dell’intervistato. Troppo tardi, forse, per disinnescare una polemica sorprendente.
REAZIONI – Dalla Federcalcio non hanno replicato, in attesa della lettura del testo integrale. Ma ieri pomeriggio, quando le agenzie hanno diffuso le parole di Zeman, sul canale Trigoria-Via Allegri sono partite molte telefonate. La Roma è in imbarazzo perché non si aspettava che un’intervista concordata su altri argomenti potesse essere presentata come una sfida al Palazzo. Tanto che in serata è arrivato il chiarimento di Zeman: «Quanto dichiarato non era riferito alla persona del presidente della Figc, ma al sistema calcio nel suo complesso, che negli ultimi anni ha perso occasioni importanti per riformarsi» . Zeman, in effetti, affronta anche altri temi senza mai essere banale. Sugli scandali ad esempio dice: «C’è qualche miglioramento. Ma temo che ci sia più per paura di essere scoperti che per convinzione. Servono più esempi positivi. Il calcio dovrebbe essere semplicità. Bisogna vincere dimostrandosi superiori sul campo e non fuori dal campo» . Zeman ribadisce di non avere nessun conto in sospeso con la Juventus e anzi precisa di non aver mai voluto criticare Antonio Conte per la scelta di non dimettersi all’indomani della squalifica per il caso scommesse: «Le considerazioni sugli allenatori squalificati erano in generale» .
LA FINANZA – Zeman, che nel 1998 si era opposto fieramente alla logica degli «uffici finanziari» che incrociavano le storie di calcio, critica anche il pallone in Borsa. E in questo senso si troverà d’accordo con la sua società, che potrebbe uscire dal mercato azionario: «I club non dovrebbero essere quotati in Borsa. I risultati mi danno ragione. Il calcio deve stare fuori dalla finanza e dalla politica» .
PASSATO E PRESENTE – Parlando del periodo in cui era fuori dal grande giro, Zeman torna poi sugli elogi di Moratti che in occasione di Inter-Roma ha detto di aver pensato di affidargli la panchina: «Molti discorsi. Ma poi bisogna vedere se ci sono le condizioni per lavorare bene. E non parlo di giocatori da acquistare» . E a chi gli fa notare di aver trasformato il 4-3-3 in un 4-3-Totti-2, Zeman replica quasi indignato: «Io non sono cambiato. Sono sempre lo stesso» . Anche a parole.
Fonte: Corriere dello Sport
La Redazione
A.S.
Sartoria Italiana
Vesux
gestione sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.