Under 17 Lega Pro, Napoli-Juve Stabia 1-1: le pagelle di IamNaples.it

Maisto il migliore in campo, la sua parata sulla punizione di Vitagliano è il più bel gesto tecnico della gara

Dopo il successo di Monopoli, il Napoli nel campionato Under 17 Lega Pro girone F manca l’appuntamento con la prima vittoria interna. Dopo la sconfitta maturata in casa all’esordio contro il Lecce, arriva un pareggio per 1-1 contro la Juve Stabia. Al gol di Rea ha risposto Vitagliano su rigore, ecco le pagelle di IamNaples.it:

MAISTO 7: Il gesto tecnico più bello della gara è il suo, si tratta della parata compiuta all’8′ della ripresa, quando s’oppone alla punizione di Vitagliano destinata all’incrocio dei pali. E’ sempre attento, dimostra ottimi livelli di concentrazione, al 40′ della ripresa per esempio legge benissimo un assist filtrante di Cucca ed anticipa Vitagliano. Commette solo qualche leggerezza quando è chiamato a gestire il pallone con i piedi, al 17′ si complica un po’ la vita con Mambella che poi riesce a rimediare. Sul rigore indovina l’angolo giusto ma non riesce ad arrivarci perchè l’esecuzione di Vitagliano è ottima.

CASOLARE 5,5: Uno dei difetti emersi nella gara degli azzurrini è la quantità di palle perse nella propria trequarti, in un paio d’occasioni il terzino destro rischia dei pericolosi passaggi orizzontali. Nella ripresa soffre l’ingresso di Sorrentino e, infatti, rimedia un’ammonizione.

MAMBELLA 5: Lezioso e impreciso in fase di possesso, spicca nel gioco aereo, da una sua deviazione sugli sviluppi di un calcio d’angolo nasce il gol di Rea ma commette un grave errore quando stende Ceparano in area di rigore al 13′ della ripresa. (Dal 30′ s.t. Senese 6: Poco più di dieci minuti a sua disposizione, si comporta bene in fase difensiva mostrando discreta sicurezza nei propri mezzi pur entrando a gara in corso)

REA 6,5: Nel primo tempo come Mambella è lezioso e impreciso in molti passaggi, il Napoli soffre il pressing alto della Juve Stabia nella fase d’inizio dell’azione. Nella ripresa appare in crescita, nell’uno contro uno gli attaccanti avversari non passano mai e poi si toglie lo sfizio del gol del vantaggio.

CALVANO 5,5: Spinge poco e in fase difensiva fa fatica nel contenere Vitagliano che trova sempre lo spazio giusto per rendersi pericoloso.

CRISTIANO 6: Fa complessivamente un buon lavoro sia in fase d’interdizione che negli inserimenti offensivi, nel primo tempo va anche al tiro al 34′ su assist di Pirone ma il pallone termina a lato. Esprime un rendimento costante per tutto l’arco della gara, a livello atletico sembra tra i più brillanti.

D’ALESSANDRO 6,5: Parte sottotono nel primo tempo, fa fatica a prendere in mano le redini del gioco, poi cresce con il passare dei minuti e mette in mostra delle belle giocate. La sua cabina di regia migliora costantemente, accelera nella ripresa i tempi di gioco e varia molto le sue scelte, proponendo sia aperture precise sulle corsie laterali che passaggi ai compagni più vicini per imbastire il giro palla. Deve migliorare nella visione di gioco periferica troppo impostata sul lato sinistro, deve ampliarla per non risultare prevedibile.

VELOTTI 6: Nel primo tempo è tra i migliori, è lui a cambiare passo a centrocampo, a fare da raccordo con l’attacco ispirando più volte i tagli di Palmieri. Nella ripresa esce dal vivo del gioco, cala sensibilmente. (Dal 41′ s.t. Coglitore s.v.: Marino lo getta nella mischia nei minuti finali, ha poco tempo a disposizione per meritare una valutazione)

DI DATO 6: Quando ha il pallone tra i piedi, produce buoni spunti, lo dimostra al 40′ del primo tempo con il tiro a giro bloccato da Riccio e al 16′ della ripresa quando impensierisce la Juve Stabia con una conclusione al volo dal limite dell’area. Deve migliorare, però, nei movimenti senza palla proponendosi di più per rappresentare una soluzione concreta per i compagni.

PIRONE 6: Compie in maniera brillante il lavoro da centravanti boa, fa salire la squadra, scarica il pallone ai compagni nei tempi giusti soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa sembra un po’ stanco e cala l’intensità del suo operato. Ha bisogno di maggiore supporto da centrocampisti ed esterni d’attacco perchè quando esce dall’area di rigore per gestire il pallone poi non ci sono compagni che attaccano la profondità per rendersi pericolosi.

PALMIERI 6: Nel primo tempo è il più vivace di tutti, mette in crisi la difesa della Juve Stabia con i suoi movimenti ma deve essere più concreto sotto porta, spreca due occasioni. Al 7′ calcia a lato, al 14′ il suo tentativo termina alto sopra la traversa, al 31′ è fermato, invece, per una dubbia posizione di fuorigioco. Nella ripresa cala tanto, probabilmente il grande lavoro svolto gli toglie molte energie. Non riesce a produrre spunti interessanti ma sulla corsia sinistra si mette in mostra per il grande lavoro compiuto, fatto di palloni recuperati, supporto in copertura e falli guadagnati. (Dal 41′ s.t. Gianfrancesco s.v.: Nel finale produce uno spunto interessante, realizza un’azione partendo da sinistra conclusa con un tiro bloccato da Riccio ma è troppo poco per meritare una valutazione).

MARINO 5,5: Rispetto alla gara contro il Lecce, la squadra è in crescita, si notano trame di gioco ordinate, idee riguardo alla costruzione dell’azione e la proposta offensiva ha anche più ritmo. Bisogna migliorare, però, ancora tanto nell’intensità, la squadra in molti frangenti è leziosa. Serve anche più continuità nell’arco della gara, il Napoli nella ripresa è calato e ciò avvenne anche contro il Lecce. Il gruppo ha poco più di un mese di allenamenti nelle gambe, ci può stare che non sia ancora al massimo, bisogna verificare la crescita nelle prossime settimane

Ecco il tabellino del match:

NAPOLI: Maisto 7, Casolare 5,5, Calvano 5,5, Mambella 5 (dal 30′ s.t. Senese 6), Rea 6,5; Velotti 6 (dal 41′ s.t. Coglitore s.v.), D’Alessandro 6,5, Cristiano 6; Di Dato 6, Pirone 6, Palmieri 6 (dal 41′ s.t. Gianfrancesco s.v.). All. Marino 5,5

JUVE STABIA: Riccio 6,5, Iengo 5, Ranieri A. 6, Casella 5,5, Bisceglia 6; Ceparano 6,5 (dal 37′ s.t. Cucca s.v.), Manzo 6 (dal 25′ s.t. Imperato 5,5), Manna 5,5; Vitagliano 7, Ranieri P. 6, Bozzaotre 5,5 (dal 1′ s.t. Sorrentino 6). All. Chiaiese 6,5

Dai nostri inviati a Sant’Antimo Ciro Troise, Gilberto D’Alessio e Antonio Balasco

 

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.