ESCLUSIVA-Novello (Dir. Napoli Club Milano): “Vincere lunedì sarebbe fantastico”

Cresce l’attesa per la “partitissima” di lunedì, soprattutto per i tantissimi napoletani che vivono a Milano ed in Lombardia. Per raccogliere curiosità e tuffarci nel clima di San Siro dal lato partenopeo, la redazione di Iamnaples ha intervistato in esclusiva Alessandro Novello, membro del direttivo del Napoli Club Milano, nato nel 2006 e che aggrega la passione di tantissini tifosi napoletani.

Alessandro, in questi anni i napoletani a Milano hanno visto festeggiare i tifosi di Inter e Milan per gli scudetti, le Champions e le Coppe Intercontinentali. Spesso questo succedeva mentre il Napoli faticava in Serie B e C. Lunedì invece si affrontano due compagini di pari livello. Quali sono le sensazioni per un napoletano a Milano per questa gara?

“Sembra un ritorno al passato, perchè, infatti negli anni ’80 Milan-Napoli era la “partitissima”, determinava l’esito dei campionati del Napoli, ma anche dello stesso Milan. Un’eventuale vittoria del Napoli a San Siro spianerebbe la strada per un obiettivo superiore alla Champions. Nel nostro club c’è chi ci crede e chi non ritiene ancora gli azzurri all’altezza, ma la maggioranza dei tifosi pensa che un’eventuale vittoria a Milano possa metterci in corsa per lo scudetto. Anche leggendo l’intervista sul “Corriere dello Sport” a Marek Hamsik, ho l’impressione che l’ambiente si stia caricando e che i ragazzi ci credano”

A livello sociale cosa sarebbe per un napoletano che vive a Milano vincere lunedì?

“Sarebbe importantissimo, una sensazione unica, così come è stato per quelli che vivono a Roma, quando qualche settimana fa gli azzurri hanno espugnato l’Olimpico. Anche se purtroppo solo a livello calcistico, si vivrebbe una sensazione di riscatto per tutto il Sud Italia, vista la continua emigrazione verso questo Nord ricco ed irrispettoso verso il Meridione”

Ci racconti la preparazione che il club sta compiendo per la gara?

“E’ in corso un lavoro iniziato un mese e mezzo fa. Abbiamo raccolto le esigenze di tutti, attraverso il nostro sito, il forum e Facebook e ci stiamo preparando all’evento. L’appuntamento è previsto al club e poi ci recheremo verso San Siro. All’esterno del settore ospiti ci incontreremo con i ragazzi del Napoli Club Roma Azzurra e quelli del Napoli Club Prato, poi ci hanno contattato il Napoli Club Genova e quello di La Spezia per unirci all’interno del settore. Condivido la richiesta della società di recarsi in anticipo a San Siro per ragioni di ordine pubblico, i cancelli apriranno alle 18:30. E’ un po’ un sacrificio andare prima, considerando che probabilmente, dopo la partita, ci faranno restare un’ora in più nel settore, per consentire prima il deflusso dei tifosi milanisti, ma per il Napoli si fa questo ed altro”

Avete in mente di portare qualche striscione o comunque di caratterizzare la vostra presenza?

“Abbiamo chiesto a tutti i soci di portare la sciarpa del club, poi per lo striscione siamo in ballo per l’autorizzazione delle forze dell’ordine. Non è detto comunque non faremo qualcosa per caratterizzare la nostra presenza. Il settore ospiti sarà colmo, io, però, non condivido la previsione di 15000 napoletani. Considerando la grande presenza anche negli altri settori, secondo me saremo almeno 20000”

Riguardo proprio alla questione dei biglietti, ho la sensazione che, con l’introduzione della tessera del tifoso, la situazione sia diventata un po’ più chiara. Che ne pensi a riguardo?

“E’ vero che la tessera del tifoso ha determinato dei miglioramenti, però in Italia niente funziona mai come dovrebbe. Le tessere del tifoso del Napoli sono ormai introvabili e tanti ragazzi, con la residenza in Campania, non hanno potuto acquistare i biglietti per la sfida di lunedì. Con la nostra mediazione, siamo riusciti a garantire ad alcuni l’ingresso in altri settori. Abbiamo consigliato a tutti il secondo anello arancio per il grande numero delle richieste “partenopee” per quel settore.”

La nostra redazione sostiene costantemente l’idea che non è possibile ancora attuare il sistema arcaico di vendita dei biglietti che utilizza il Napoli soprattutto per la gara di Europa League. Pensiamo che le resse fuori al San Paolo siano figlie di quest’arretratezza. Che ne pensi?

“Si, noi a Roma abbiamo incontrato il dg Fassone ed il presidente De Laurentiis, grazie al Club Napoli “Roma Azzurra”, realtà organizzatissima e formata da persone eccezionali. De Laurentiis e Fassone ci hanno garantito che la situazione dei biglietti migliorerà; già la vendita on-line di 400 biglietti per la sfida di Villarreal indica che la società si sta muovendo su questo fronte. Purtroppo l’ambiente di Napoli non digerisce bene questi cambiamenti; ci sono gli interessi delle agenzie di viaggio e dei gruppi organizzati. Sono convinto che, però, nell’arco di due-tre anni, De Laurentiis, che sta rifondando tutta la struttura societaria, cambierà anche questa situazione”

Facciamo un attimo un passo indietro. Non possiamo non parlare della sconfitta di giovedì. Pensi che sia meglio concentrarsi solo sul campionato o credi che il Napoli abbia buttato via una buona opportunità?

“Penso che il Napoli abbia gettato al vento una grande opportunità, a causa delle scelte discutibili di Mazzarri. Se il Napoli avesse avuto l’ardente voglia di passare il turno, avremmo visto Cavani dal primo minuto, che avrebbe chiuso nella prima mezz’ora la partita sul 3-0, e comunque una formazione diversa. E’ la prima grande amarezza di questa stagione, decisamente superiore alla sfortunata eliminazione dalla Coppa Italia. Credo che una grande realtà, così come vogliamo essere, debba essere in grado di combattere su più fronti. Certamente ora ci concentriamo sul campionato, ma continuare ad andare avanti in Europa sarebbe stato importante. Il Villarreal non era il Real Madrid, ma una squadra battibilissima”

Intervista a cura di Ciro Troise

 

Wincatchers
Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google