CdS, Grassani: “Nell’inchiesta plusvalenze manca il Napoli, ecco perchè”

Mattia Grassani ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. Ecco le parole del noto legale di alcuni club di Serie A in merito all’inchiesta sulle plusvalenze:

Sul ricorso:

“Si tratta di un ricorso per revocazione, ossia dell’unico strumento che consente la riapertura di un procedimento su cui si è formato il giudicato”.

Sui presupposti: 

“Circostanze straordinarie quali l’emersione della falsità di prove utilizzate nel giudizio, l’omissione di fatti decisivi ai fini della decisione sopravvenuti dopo il processo o che non potevano essere conosciuti, un errore di fatto commesso dal giudice. Nelle 106 pagine del ricorso, la Procura Federale ha riproposto stralci del materiale trasmessogli dalla procura di Torino, sostenendo che, ove gli elementi emersi dall’indagine penale fossero stati conosciuti agli organi di giustizia, il procedimento avrebbe avuto un esito diverso”.

“Rispetto al procedimento originario, che si concluse con il proscioglimento di tutti i deferiti, mancano Napoli e Chievo, così come i loro dirigenti, perché le operazioni contestate ai due club non interessavano la Juventus. Dovranno tornare invece alla sbarra tutti i club e i dirigenti che hanno fatto affari con i bianconeri, e dunque Sampdoria, Pro Vercelli, Genoa, Parma, Pisa, Empoli, Pescara, oltre al Novara che ha cessato l’attività. Per quanto riguarda il contenuto, nella sostanza le contestazioni sono le medesime: l’elemento di novità è che la procura federale – a fronte delle due decisioni precedenti, di proscioglimento di tutti gli incolpati sul presupposto dell’inesistenza di criteri oggettivi per la valutazione dei calciatori – ritiene di aver rinvenuto la cosiddetta “pistola fumante”, ovvero la prova che i valori attribuiti ai giocatori non fossero ancorati esclusivamente a valutazioni tecnico-sportive, ma assolvessero alla finalità di “aggiustare” i bilanci. La “pistola fumante” consiste, ovviamente, nelle intercettazioni – telefoniche e ambientali – captate dalla procura della Repubblica di Torino e trasferite all’organo inquirente federale, nonché in alcuni documenti rinvenuti in occasione degli accessi presso gli uffici del club bianconero”.

Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.