Dublino pazza per il Napoli

Il club Napoli è stato fondata da un'emigrante napoletana

Segna Cavani, esplode il “Murray’s”. Il cuore del Napoli batte anche a Dublino. Su O’Connell Street, nel centro della città. Maglie azzurre, sciarpe, tifo. Tutto come in Curva B, ma davanti a uno dei maxischermi che fanno del vecchio pub (104 anni di storia) il ritrovo più gettonato per chi ama il calcio estero nella capitale d’Irlanda. Tre anni fa era l’unico a mostrare in diretta le partite del Napoli, attirando emigranti, turisti e i tanti indigeni simpatizzanti del Ciuccio. E’ nata così l’idea del Napoli Fans Club Ireland, il primo (e unico) club azzurro dell’isola di smeraldo.
Animatrice, e non poteva essere altrimenti, è una napoletana doc (del Vomero): Rosaria Conte. Giornalista, interprete, amante dello sport (calcio e rugby su tutti). E’ stata lei, due anni fa, a lanciare il sasso e a fondare il club assieme al fidanzato Matthew e ai compagni di serate al “Murray’s”. E siccome da una ragazza che è partita dall’Italia a vent’anni per stabilirsi in Irlanda non ti puoi aspettare che stia ferma, ecco che in due stagioni la sua creatura è letteralmente esplosa.

BABA’ – «Oggi il club ha 130 associati, per metà irlandesi – racconta Rosaria – Gli altri sono napoletani o italiani di seconda generazione, per lo più del Sud. La sede ufficiale è a casa mia, ma di fatto è il pub. Anche se in alcuni casi per le partite ci ritroviamo al Woolshed o al The City, sempre in zona. Noi gli garantiamo un minimo di 15 persone, loro ci assicurano i posti davanti ai maxischermi e sconti su birra e menu» .

Il club ha un sito Fecebook, una newsletter e una rassegna stampa, spedita ai soci una volta la settimana via mail. Il tutto rigorosamente in inglese. «Ce lo siamo dati come regola» . Ma l’attività non si ferma qui. «Abbiamo già portato quattro irlandesi al San Paolo, in occasione delle partite con l’Inter e il Liverpool. Sono stati stregati da un tifo che da queste parti non si sognano neppure, neanche in Inghilterra. E dall’atmosfera fuori dallo stadio, dall’abitudine di farsi un caffè anziché una birra. Il Napoli gli ha persino offerto i babà. Ora andremo a Stamford Bridge per spingere i ragazzi di Mazzarri contro il Chelsea» .
Il club è riconosciuto dalla società e i contatti sono costanti. «Il presidente Aurelio De Laurentiis ci ha fatto personalmente i complimenti. E ci ha promesso che porterà il Napoli qui a Dublino. Magari la prossima estate, in occasione della Dublin Super Cup. L’anno scorso venne l’Inter».

BOOM – I successi del Napoli in Champions League hanno reso popolari gli azzurri anche a queste latitudini. RTE, la televisione di Stato, ha dedicato alla squadra uno speciale di 40 minuti prima e dopo la sfida d’andata con il Chelsea. L’Irish Daily Star è andato in edicola con un paginone sulla triade del gol Cavani-Hamsik-Lavezzi. «A colpire l’immaginazione è soprattutto la cornice del San Paolo – spiega Rosaria – Per me e per i tanti napoletani che vivono qui è motivo d’orgoglio. I giornalisti irlandesi mi chiedono persino di insegnargli qualche parola basic di italiano per arricchire i loro pezzi…» .

Segna Cavani, esplode il “Murray’s”. E ti sembra di stare al San Paolo, anche se sei a 2000 chilometri di distanza.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.