Mancini: “Niente calcoli contro il Bayern Monaco”

Forte della vittoria di sabato contro l’Everton – un 2-0 che è valso il primato in classifica, a pa­ri merito con il Manchester United – Mancini e il suo City si presenta­no a Monaco di Baviera senza timo­ri riverenziali. Non potrebbe essere altrimenti contro un’avversario che non prende gol dalla prima di cam­pionato e vanta un «pedigree» europeo di tutto rispetto.

«Sarà difficile e cre­do decisivo –affer­ma Mancini –Dob­biamo provare a vincere, in questo gruppo non si pos­sono fare troppi cal­colivisto il valore degli avversari».

Due le assenze importanti per il Ci­ty: Mario Balotelli sconta la secon­da delle tre giornate di squalifica e De Jong, ancora ko. Il nodo maggio­re è se ripresentare Nasri trequar­tista dietro a Silva, Dzeko e Aguero. Contro l’Everton il quartetto ha vi­sto molto il pallone, faticando però a costruire occasioni. E infatti è sta­to decisivo l’ingresso di Balotelli, capace di donare potenza e velocità alla manovra.

SACRIFICATO?– Da un lato la tenta­zione è di rinunciare a Nasri e ri­proporre un 4-3-3 più tradizionale. Il problema è che in assenza di De Jong manca la pedina tattica capa­ce di fare da scudo alla difesa: nel ruolo di diga difensiva Barry è un ripiego con limiti di reattività, co­me ha dimostrato contro il Napoli. Se dovesse optare per l’opzione più coperta, con Nasri in panchina, allo­ra toccherà a Zabaleta o Milner completare il pacchetto dei centro­campisti. Piu’ probabile allora chevenga proposto il modulo più spre­giudicato, con Barry e Yaya Toure a coprire le spalle di Nasri e il tri­dente la davanti. Anche perché, no­nostante la striscia positiva in fase difensiva, la retroguardia del Ba­yern, sulla carta, non incute troppo timore. E allora perché non rischia­re?

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google