Orgoglio Hamsik: «Con gli azzurri per lo scudetto»

Marekiaro leader: «Voglio crescere ancora con il Napoli. Ho un rimpianto enorme: il titolo quest’anno sfumato in casa contro le piccole»

Il ragazzo che ha fatto scuola con il suo taglio di capelli (El Shaarawy, per esempio, è uno dei suoi allievi e pure Behrami quando può va a far visita al suo barbiere, a Pozzuoli), Marek Hamsik si prepara alla sua settima stagione nel Napoli e promette amore eterno. Marekiaro in questi giorni è in viaggio nel Mediterraneo a bordo della Msc Preziosa. Ma ieri si è scatenato: prima aggiornando il suo sito personale, poi parlando al periodico ufficiale della Fifa.
Lo slovacco non nasconde il suo rimpianto «per uno scudetto che potevamo vincere se non avessimo perso così tanti punti al San Paolo» e guarda al futuro del Napoli. Che poi coincide con il suo. «Voglio diventare una bandiera di questa squadra». Un po’ di vacanza, poi appena terminerà la Crociera azzurra partirà per la Slovacchia dove raggiungerà la sua nazionale per l’ultimo impegno della stagione: poca roba, a Valduz, contro il Liechtenstein ma gli slovacchi hanno l’obbligo di vincere a ogni costo per continuare a inseguire Brasile 2014: «Per assicurarci un posto nei playoff della Coppa del Mondo abbiamo bisogno di raccogliere sei punti nelle prossime tre partite, sarà difficile. Il nostro punto di forza è la presenza di tanti talenti in squadra, ma allo stesso tempo ciò ci toglie qualcosa in termini di esperienza».
Marekiaro (il copiright è di Paolo Cannavaro) si racconta: «Avevo 19 anni quando sono arrivato qui. Nessuno sapeva chi ero ma il Napoli non ha esitato a darmi una possibilità. Per sei anni io e il club abbiamo camminato di pari passo, possiamo ancora salire ancora più alto. Mi sento a mio agio qui e mi piacerebbe continuare a crescere con il Napoli». Dietro le sue parole le certezze per il no urlato al Milan e a Galliani nell’estate del 2011 che avrebbero fatto di tutto per portarlo in rossonero.
Quest’anno ha siglato 11 gol e fatto 14 assist. Spiega: «Sono attratto dalla porta, sono sempre alla ricerca del varco giusto. Mi diverto molto a giocare e mi piace quello che faccio. La mia posizione ideale? Mi adatto, veramente non ho preferenze. Posso agire in un tridente oppure dietro a due punte. Nedved mi ha nominato suo erede? Lui era più faticatore, a me piace inserirmi in zona goal… Se devo dire la verità mi piacciono più giocatori come Lampard, Gerrard e Zidane».
È una stagione da incorniciare per Marek. Che però non riesce a scrollarsi di dosso un briciolo di amarezza: «Abbiamo lasciato punti in partite che avremmo potuto vincere facilmente. Stranamente, la maggior parte di queste giocate in casa come con Torino, Bologna e Sampdoria. È stato al San Paolo che il nostro sogno scudetto è andato in fumo».
Hamsik spiega ancora: «È stata una stagione eccellente. Peccato solo per essere usciti troppo presto dalla Coppa Italia e dall’Europa League con il Plzen. La partita più bella? Scelgo quella contro il Genoa a Marassi. Perdevamo 2-1 a pochi minuti dalla fine, ma abbiamo vinto 4-2 con anche un mio gol. Andrò in Messico per le vacanze. Giocherò in seguito delle amichevoli di beneficenza insieme a Lionel Messi e ad altri campioni, prima di tornare in Italia per prendere parte al ritiro di Dimaro».

 

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

 

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.