Cerca
Close this search box.

Caso Osimhen, Grassani: “Penalizzazione per il Napoli? Fantasia, i tifosi stiano tranquilli”

L’avvocato ed esperto di diritto sportivo Mattia Grassani ha parlato ai microfoni di TvPlay, dove ha commentato la situazione legata a Victor Osimhen e le voci relative al processo. Di seguito le sue parole:

Sul rischio di penalizzazione:

“Allo stato attuale l’ipotesi di un rischio di punti di penalizzazione per il Napoli è fantasiosa e fuori da ogni logica di ciò che sta accadendo nei rapporti tra la procura della Repubblica di Roma e procura federale della FIGC. Per questo voglio tranquillizzare il tifoso. Non ci sono, né nell’immediato né nel medio periodo, l’ipotesi di procedimenti di giustizia sportiva che possano determinare penalità. E’ ovvio che quello che sta accadendo, però, era prevedibile. Rientra nella fisiologia dei rapporti tra procura ordinaria e procura federale. C’è un fascicolo, con oggetto identico sovrapponibile che a livello sportivo è già stato definito con un doppio grado di giudizio favorevole al Napoli, per cui sono state chiuse le indagini presso il Tribunale di Roma”.

Sulla cessione di Osimhen e sulla richiesta, respinta, di sanzione:

“La cessione di Osimhen dal Lille al Napoli in cambio di cash e di quattro calciatori era stata scrutinato dalla procura federale che aveva chiesto una sanzione pecuniaria respinta in primo grado e anche in secondo grado. In ambito FIGC, quel comportamento è stato ritenuto assolutamente lecito, sia da parte di De Laurentiis che da parte del consiglio d’amministrazione e della società Napoli. Qualora dagli atti trasmessi vi fossero elementi che inducono la procura a indagare e riaprire un procedimento, imbastire un’accusa, portare al deferimento e richiedere punti di penalizzazione è un’ipotesi a cui in questo momento nessuno può rispondere. I valori, i nomi e le contropartite dei giocatori che sono passati al Lille in cambio di Osimhen e soldi, erano assolutamente noti alla procura federale”.

Sull’eventuale processo:
“Tecnicamente una partita sul tavolo di giustizia sportiva in cui il tribunale sportivo ha già decretato il triplice fischio si può riaprire soltanto in caso di circostanze nuove che al momento non ci sono. Di sicuro ad oggi nulla è stato promosso a livello federale. Valutando nel dettaglio quell’operazione era una negoziazione e un trasferimento del tutto noto alla procura federale. L’elemento che potrebbe far riaprire il tutto è un qualcosa che non è mai stato preso in considerazione prima, quindi qualcosa di totalmente nuovo. In passato possono essere capitati casi in cui il processo è stato riaperto, ma in questo caso faccio fatica a vedere una ‘pistola fumante’ in mano alla procura federale. Anche se fosse successo in un contesto di società dilettantistiche starei dicendo le stesse cose. La svolta per la riapertura è un mezzo di impugnazione straordinario, cioè attraverso nuovi atti che prima non si conoscevano, come successo con l’indagine Prisma che ha coinvolto la Juventus dove ne sono stati scoperti a centinaia e si è arrivati alla penalizzazione. Qui stiamo parlando di un caso unico di trasferimento e non credo francamente che qualche titolo di giornale o intervista possa essere quel qualcosa di nuovo che possa riaprire il tutto”.
Sartoria Italiana
Vesux
Il gabbiano
Gestione Sinistri
la giovane italia
Gestione Sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.