IN CASA DELL’AVVERSARIO – Il Verona arriva allo Stadio Maradona per provare lo sgarbo agli azzurri

L'analisi sui prossimi avversari del Napoli

Ultima giornata di Serie A con il Napoli che ospita Verona. Le tifoserie di queste due squadre nutrono un’aspra rivalità e gli azzurri devono battere soprattutto questo fattore per raggiungere cosi la Champions League. Il Verona da tempo ha tirato i remi in barca e si sta accingendo a chiudere la stagione con un grande turnover. Ecco l’analisi sui prossimi avversari del Napoli:

CAMPIONATO = Il Verona è decimo in classifica con 44 punti, una posizione che sembra addirittura star stretta ai veneti, reduci da una serie piuttosto negativa di risultati. A dimostrare l’assenza  di obiettivi della squadra di Juric è che il portiere titolare Silvestri non gioca da quattro gare. Il punto debole del Verona è sicuramente l’attacco e l’assenza di un centravanti di livello mentre la fase difensiva e la forza degli esterni rappresentano il punto forte del club scaligero.

PROBABILE FORMAZIONE = L’ultima giornata di campionato è sempre un rebus, ecco la probabile formazione del Verona:

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Pandur, Ceccherini, Günter, Dimarco; Faraoni, Veloso, Ilic, Lazovic; Zaccagni, Bessa; Kalinic.

 

LA STELLA = La stella del Verona è probabilmente il tecnico, ma domani ci sarà particolare attenzione a Zaccagni, da tempo obiettivo azzurro e protagonista di una buona stagione, sopratutto nel girone di andata.

LE DICHIARAZIONI: In conferenza stampa ha parlato cosi il tecnico del club veneto Ivan Juric. Ecco le sue parole:

“Di Zaccagni non si sa ancora niente: ha fatto un grande girone d’andata, nel girone di ritorno ha dato, è sempre stato utile, io lo considero molto utile a livello tattico, in certe situazioni tatticamente è un fenomeno. Sicuramente avrà le sue offerte, deciderà con calma: siamo tutti consapevoli che se arrivano grandi squadre è difficile rifiutare, ma in questo momento certe le puoi rifiutare rispetto agli anni passati. Berardi è stato fondamentale in questi due anni, su tutto. La grandezza di Tony è che riesce a capire il valore anche di un terzo portiere, per il modo che ha di comportarsi. Lui è fondamentale per il gruppo, e l’idea è questa: ci tiene molto a debuttare in A, se tutto va bene gli concederò uno spezzone. Noi andremo a Napoli a fare la partita forte, al massimo, consapevoli che all’andata abbiamo vinto, trovandoli in un momento non perfetto. So quanto significa per i tifosi, noi andremo a fare una grande partita. Non bisogna fare grandi proclami, io preparo la squadra come fosse una gara fondamentale, perché è giusto sia così dopo il percorso che abbiamo fatto”.

I PRECEDENTI = E’ il confronto numero 56 tra Napoli e Verona in Serie A. E’ la 28esima edizione in casa azzurra”.

Il bilancio degli incontri disputati fino ad oggi tra Napoli e Verona in casa azzurra è il seguente: 27 gare e 20 vittorie della formazione partenopea, 2 i successi scaligeri in trasferta e 5 i pareggi.

TERNA ARBITRALE =

NAPOLI – VERONA
Arbitro: CHIFFI
Assistenti: LONGO – VALERIANI
IV: FOURNEAU
VAR: NASCA
AVAR: CECCONI

 

 

 

A cura di Mario Tramo

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.